Archivio per ottobre 2009

Autumn is sad


 

 

Autumn is so sad without you

my friend with a dog

and in the eyes the blue,

like a frog i wanna to jump there

and know if i was mistake

and mistake when.

 

And that eyes become new my friends

and at this empy so i could say " is the end "

but the time is a strong and a long long " Goodbye "

until the end

until the die …

 

Marco Vasselli to L.M.

Photo by

Katy Scarlet from New York

1 Commento

Magdalena dei Tool ( ma quì non è un circolo perfetto )


 
… è notte …
musica
click
e parte
One chance
One kiss
One taste of you my Magdalena …  "
mentre a me
basterebbe
il sorriso e una stretta di mano
dell’amica che non torna
che amava cantare questa
 
sarebbe un ridere di occhi
a pianger divertiti
 
stavolta
 
fino all’alba
sarebbe l’alba !!
 
 
 
Marco Vasselli

3 commenti

Cuor di Ðιکtratta


 

/(",)
./♥.
_| |_ . . . Ðιک

 

Bambolina

nata per mano

di quella artigiana non artista,

ma con il cuore

che ami a prima vista,

e di cui apprezzo

la veritiera voglia di vagare

tra il bello, il brutto

il quasi come se fosse

e quel che è

anima vera

il canto d’una mattina di Settembre

il pianto

di una donna

quello di gioia

che ora vorrei vederle in volto,

alla fine della cruenta

ennesima battaglia

 

Poesia di Marco Vasselli

per

Ðιکtratta

Tutti i diritti sono riservati

 

3 commenti

Felpata la notte


 

 

 

Un ineffabile languore
impallidisce al sorgere del sole…
Felpata la notte
con smarrite stelle
ha ceduto i passi,
fendendo il febbrile giorno
che disincantato s’annuncia…

Corteggiando le prime luci,
l’alba
cosparge un negligente nettare
che le ultime brezze indora…

Sapori stantii
che ristagnano ovattati
in un fluttuante epilogo
e inesorabili patteggiano
l’umano divenire….

 

 
Poesia scritta da Ana TF
 
Tutti i diritti sono riservati

3 commenti

Fotoracconto – Risplendere


 

 

Immagine e poesia di Ana Tf

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Fotoracconto – Poker di regine


 

 

A Vale,Marti,Dada e Alexis

Le persone che per prime hanno letto con costanza il mio blog,

alla nostra amicizia che continua

Grazie per esserci sempre

Marco Vasselli

1 Commento

Anima cabriolet


 
Anima cabriolet
voglia di libertà
anni ed anni contromano
di cuore in cuore
e di città in città.
 
Ci incrociamo di rado
sguardo da ragazzini
come che quelli lì a Tito Labieno
fossero quelli lì,
Andrea e Marco,
e Vasco sullo stereo,
le scarpe da scavarco
liberi e vivi ancora !!
 
 
Marco Vasselli
Per Andrea B.
Tutti i diritti sono riservati
 

3 commenti

Musica – Caparezza – Eroe ( Storia di Luigi delle Bicocche )


 

 

Piacere / Luigi delle Bicocche
Sotto il sole faccio il Muratore e mi spacco le nocche
da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper
che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un Chopper
invece io passo la notte in un Bar Karaoke
se vuoi mi trovi lì / tentato dal videopoker
ma il conto langue e quella macchina vuole il mio Sangue
un soggetto perfetto per Brahm Stoker
TU
che ne sai della vita degli Operai
io stringo sulle spese / Goodbye Macellai
non ho salvadanai da Sceicco del Dubhai
mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a Snai
io sono il pane per gli usurai ma li respingo
non faccio l’Al Pacino / non mi faccio di Pachinko
non gratto / non vinco / non trinco / nelle sale Bingo
man mano mi convinco

[RIT]

che io sono un Eroe
perchè lotto tutte le ore
sono un Eroe
perchè combatto per la pensione
sono un Eroe
perhcè proteggo i miei cari / dalle mani dei Sicari / dei cravattari
sono un Eroe
perchè sopravvivo al mestiere
sono un Eroe
straordinario tutte le sere
sono un Eroe
E te lo faccio vedere
ti mostrerò cosa so fare col mio superpotere

[STR 2]

Stipendio dimezzato / o vengo licenziato
a qualunque età io sono già fuori mercato
fossi un ex SS novantatreenne / lavorerei nello studio del mio avvocato
invece torno a casa distrutto la sera
bocca impastata come calcestruzzo in una betoniera
io sono al verde / vado in bianco / ed il mio conto è in Rosso
quindi posso rimanere fedele alla mia bandiera ?
SU
vai / a vedere nella galera / quanti precari / sono passati ai mal’affari
quando t’affami / ti fai / nemici vari
se non ti chiami Savoia scorda i Domiciliari
finisci nelle mani di strozzini / ti cibi
di ciò che trovi se ti ostini a frugare i cestini
ne l’Uomo ragno ne Rocky ne Rambo ne affini
farebbero ciò che faccio per i miei Bambini

[RIT]

[STR 3]

Per far denaro ci sono più modi / potrei darmi alle frodi
e fottermi i soldi dei morti come un banchiere a Lodi
c’è chi ha mollato il Conservatorio per Montecitorio
lì i pianisti sono più pagati di Adrien Brody
io vado avanti e mi si offusca la mente
sto per impazzire come dentro un Call Center
vivo nella camera 237 / ma non farò la mia famiglia a fette
perchè sono un Eroe

[RIT]

 

Un ritratto perfetto che Caparezza fa alla nostra Italietta

 

3 commenti

Sassi al lago


 
Siamo dei sassi al lago che balzellano,
lanciati al grande lago della vita.
Non ci è dato sapere la forza oppur la grazia
di questo guizzo che ci spinge oltre,
ma l’oltre già finisce
ed affondiamo.
 
 
Marco Vasselli
 
 

3 commenti

Un gomitolo di sogni


Vorrei un gomitolo di sogni mia dolce musa,
cara gaiezza, , tenerera e sincera.
Con una policromatica matassa di lana
intesserei per te una coperta
calda di sogni
e che ti porti altrove
dalla tua vita quando fà freddo e è Inverno.
Marco Vasselli
Per Rosy A.S.

3 commenti

Insegui i tuoi sogni


Insegui i tuoi sogni

Con dedizione, come la barca spinta dal vento

Che cerca nuove mete

Che insegue il suo sentiero

Che libera nel mare viaggia.

 

Anche se non andasse come credi

Anche se non avrai i tuoi risultati

Non resterai a pensare

Per il resto dei tuoi giorni

“ Lo avessi fatto …

…potessi tornare indietro !! ”

 

Quando un giorno ti ritroverò

Dopo averti portato nel cuore

Come un prezioso dono,

Come un passato di gioia e speranze,

Saprò il tuo sorriso

Che dal diverrà il mio

Sapendo che finalmente ce l’hai fatta !!
 

Per  L.M.
la persona che qualche tempo fa mi disse che i sogni si realizzano
ora spero possa essere così anche per lei
come in un’arrivederci a tempo indetrminato
 

5 commenti

Tutti che dicono ” Ti voglio bene “


 
Che nulla t’accada di male,
questo io voglio  per te,
ho stima, rispetto
ti metto al di sopra di molti altri
inquanto vali piu’ di altri.
 
In altre parole
ti conosco abbastanza
per poter asserire he sei una persona che merita
che mi da affetto,
che mi capisce,
che condivide qualcosa di nome amicizia con me.
 
E allora perchè
tutti dicono ti voglio bene ?
Come che fosse " Ciao "
con la stessa facilità del respiro ?!!
 
Eh no,
 bisognerebbe dare
il giusto metro e peso alle parole,
e poi giù tutti,
che dopo otto minuti son tuoi amici,
tutti che ti capiscono e ti conoscono,
che se solo tu
ti conoscessi un palmo di quanto ti dicono loro
saresti lieto,
sarebbe una conquista !!
 
La faciloneria,
il buonismo,
entusiasmi e sentimenti allo spasmo,
tutti " Fratè "
anche se in realtà
chi cazzo li conosce !!
 
C’è bene e bene,
questo volevo dire,
c’e’ quello che si dice,
e quello che si prova,
che è cosa ben diversa, credi a me.
 
Quanti di loro farebbero di tutto
quando ti caghi in mano
e che la vita sembra tutta scura ?
Beh,
sinceramente,
in questa grande giostra,
ben piu’ preferisco
chi lo dimostra all’atto,
che quando serve,
come una mano sempre,
potrai trovare nella brutta strada,
che ti riporti nella realtà
e che ti dica " Che cazzo stai a fa ? "
 
Ed io sarò per loro,
riso nel pianto,
o ombrello nella pioggia,
e brezza di stupore, di scoperte,
ed apriremo tutte le porte chiuse,
e porte aperte diverranno al mondo
 
Marco Vasselli
 

24 commenti

Esperanza d’Otòno


 

La lluvia deja en mí.
El viento me lleva
de la danza de los colores
Olores caliente a mi alrededor.
Me dejé arrastrar a la baja,
cubierto de hojas.
Hojas, hojas por todas partes.
Yo reconozco mis días pasados,
lavada y arrugada
en esa alfombra.
Me levanto.
Libre de cualquier mal recuerdo,
Espero con interés.
Las hojas nuevas
verde esperanza
encontrar mi camino.

 

 

Poesia di Ana TF

Tutti i diritti sono riservati

3 commenti

Musica – Francesco De Gregori – Tutto più chiaro che quì


 

 

 

È tutta stesa al sole, vecchio,
questa vecchia storia.
Tutta nelle tue gambe,
e nella tua memoria.
Che hai visto il Tevere quand’era giovane,
che si poteva nuotare,
che hai visto il cielo quand’era libero,
che si poteva guardare.
E hai visto l’aquila volare.

Io da qui vedo il cielo inchiodato alla terra,
e la terra attraversata da gente di malaffare,
e vedo i ladri vantarsi e gli innocenti tremare,
vedo i ladri vantarsi e gli innocenti tremare.

Ma tu, dimmi che cosa vedi adesso tu?
Che adesso quasi non ci vedi più.
Dimmi che cosa vedi tu da lì.
Dimmi che è tutto più chiaro che qui,
tutto più chiaro che qui.

E dimmi che potrò capire,
e dimmi che potrò sapere,
e dimmi che potrò vedere,
un giorno anch’io così,
tutto più chiaro che qui.
Anch’io così, tutto più chiaro che qui,
tutto più chiaro che qui.

È tutta stesa al sole,
questa vecchia storia,
tutta sulle tue spalle, vecchio,
e sulla tua parola.
Che hai visto piovere sulle rovine,
e le montagne crollare
e hai visto il sangue e le stelle alpine
e la neve bruciare.
E hai visto l’aquila volare.

Io da qui vedo uomini caduti per terra
e nessuno fermarsi a guardare.
E gli innocenti contendersi e gli assassini ballare
e gli innocenti corrompersi e gli assassini brindare.

Ma tu, dimmi che cosa vedi adesso tu?
Che adesso quasi non ci vedi più.
Dimmi che cosa vedi tu da lì.
Dimmi che è tutto più chiaro che qui,
tutto più chiaro che qui.
E dimmi che potrò capire,
e dimmi che potrò sapere,
e dimmi che potrò vedere,
un giorno anch’io così,
tutto più chiaro che qui.
Anch’io così, tutto più chiaro che qui,
tutto più chiaro che qui.

 

Sebbene questa canzone abbia qualche anno rimane di un’attualità impressionante.

Arriveremo un giorno a vedere un mondo migliore di questo ?

Intenso come sempre Francesco De Gregori

 

 

1 Commento

Poesia allo specchio ( Se )


 
Se il tempo tornasse indietro,
finirei a quattordici anni,
senza capirci niente,
ma quell’età
come tutte le altre,
se
con un guizzo del cuore e la mente ci rivado
sono rimaste in me,
sono presente
 
 
etneserp onos
,em ni etsamir onos
odavir ic etnem al e erouc led ozziug nu noc
es
,ertla el ettut emoc
àte’lleuq am
,etnein icripac aznes
,inna icidrottauq a ierinif
 ,orteidni essanrot opmet li eS
 
 
Marco Vasselli
 

1 Commento

Le persone speciali della mia vita


 
Le persone speciali della mia vita
sono quelle che ci sono,
che ci sono state,
che ci saranno,
sebbene solo nel cuore,
come un’arrivederci a tempo indeterminato.
 
Le persone speciali della mia vita,
sono e sono già state
quelle che m’hanno dato
pensieri nuovi,
proccupazioni,
o gioia,
o forza,
e costruito un’uomo.
 
Non hanno superpoteri, siamo seri,
non voglio enfatizzare,
so solo che non ho mica Wonder Woman,
o Batman, o Robin,
o Superman
Diabolik, L’uomo Ragno
Paperinik.
 
Sono gente comune,
pezzi di vita insieme,
pipa di tabacco ed ebano,
risa di mille sere e birre chiare,
sono semplicità
lampi d’infinità
poeti calvi,
e sono idraulici, baristi,
artigiani non artisti,
sono pittori e suonatori Jones
sono il ricordo che torna
a ricordare solo le cose belle,
sono du’ girasoli
un’aeroplanino,
un tesorino musa
ed una greca bionda.
 
E sono stati punk,
saranno donne
e angeli con gli anfibi
ed anche madri,
siamo momenti,
sfumature di quadri,
che cambiano
mentre li dipingiamo li cambiamo
come i colori della vita andata,
come di quello che è
che vi sarà.
 
Sono cantanti lirici robusti
o uomini della nettezza urbana,
sono tutti coloro,
che di volta in volta,
hanno sottrattome da questa grana,
chiamata vita quando che è stata tale,
ed io li voglio tutti,bene e male
portar nel cuore come la vita un viaggio
e il cuor lo zaino, per contenerli tutti.
 
 
Marco Vasselli
Agli amici veri
 

12 commenti

Il Diario – Silennzio # 3


 
 
 
 
 
.

1 Commento

… poi ecco te !!


Con una mano sul cuore tentai di lenire i dolori del passato,
come uno strale che mi colpì, lasciando ancora la ferita aperta
esanime, quasi morto, con l’anima per terra.

 

Poi ecco te .. dolce, unica, speciale, come nessuna matita sapra’ mai disegnare .. vera !!

 

La tua mano tesa verso di me, decido di afferrarla, i tuoi occhi mi ispirano fiducia,
come un vortice travolgi la mia vita e mi ritrovo a sognarti, ho paura di riaprire gli occhi
e scoprire di essere ancora solo, tengo stretta la tua mano e l’appoggio al mio cuore,
non lasciare che i suoi battiti si spengano.
Poesia scritta da Amore Silenzioso e Marco Vasselli
Tutti i diritti sono riservati
 

12 commenti

Sweet Minerva – Dolce Minerva


 

 Sweet Minerva

the eyes of heaven and the heart absent,

What are you looking from a distance?

A love gone?

hug a friend?

or maybe your childhood that there is no more

first love

fragments of the past.

 

When autumn

bend your knees

and as to succumb to regret,

saran served what then?

 

When the leaves yellow

fall from the trees in clumps

pushed by the wind chill

that will not be heaps of uncertainties

the short strokes on the face

occurred in that past that is no longer

 

But in the eyes of heaven

lapilli as short of eternity

continue to rincorresi

as children in the courtyards of somewhere,

knowing sadness vain

picks up the uncertainty,

continue them

 

 

Photo

Katy Scarlet (New York)

Poetry

Mark Vasselli

All rights reserved

 
 

 ____________________________________________________

Dolce Minerva

dagli occhi di cielo ed il cuore assente,

cosa vai cercando di lontano ?

Un amore andato ?

un abbraccio amico ?

o forse la tua infanzia che non v’è più,

il primo amore,

frammenti di passato.

 

Quando l’autunno

piegherà le tue ginocchia

come a soccombere e a rammaricarti,

a cosa saran serviti queli momenti ?

 

Quando le foglie gialle

cadranno dagli alberi a ciocche

spinte dal vento gelido

non saranno che cumuli d’incertezze

quelle brevi carezze sul volto

avute in quel passato che più non è

 

Ma dentro gli occhi di cielo

come brevi lapilli d’eternità

continueranno a rincorresi

come i bambini nei cortili di non so dove,

sapendo tristezza vana,

raccoglierai da terra l’incertezza,

proseguirai

 

 

Foto

Katy Scarlet ( New York )

Poesia

Marco Vasselli

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Il sorriso di Martina


 
" Stai a ride eh piccolè … "
anche quando non ci vediamo, non ci sentiamo e non ne sò di te,
preferisco pensare amica mia
che stai a ride,
e immaginando questo prendo forza,
quando una speranza che credevo si smorza,
arrivi te
che spunti all’improvviso,
ed ecco che appresso al tuo
s’accende nuovamente il mio sorriso.
 
 
Marco Vasselli
A Martina C.
La mia fan numero 1
Tutti i diritti sono riservati
 

1 Commento

Profumo d’amore


 
 
Ho spento la luce,
riempito di silenzio
il mio buio,
ho acceso in questo
mondo del nulla
una bianca candela.

Vestito
di ombre e paure
cerco parole
portate da pensieri,
pensieri lontani.

Raccolgo dal nulla
una leggera voce
a tratti serena
poi singhiozzante.

Riconosco dolore,
paura, terrore,
riconosco frasi d’amore
già vissute,
vedo giorni di gioia,
giorni di solitudine,
attimi di terrore.

Sento un profumo di fiori
nel sangue che esce dal mio petto,
leggo l’amore, vedo dolore.

Non voglio più ascoltare,
voglio gridare,
voglio strappare le tue spine,
distruggere il tuo dolore,
voglio toccarti sentirti,
prenderti ora, adesso,
per bruciare al rogo
le tue parole di sangue.

Un pensiero, un passo,
un solo obbiettivo, l’amore.

 
 
 
Ana TF
Tutti i diritti sono riservati
 

1 Commento

Il Diario – Il libro c’è !!


 

Poche parole per dirvi che è in uscita il libro con tre mie poesie e quelle degli altri autori di Windows Live che vi hanno partecipato, trai quali Jack Max, Rosa Andronaco ed Armonia. Non sto quì a dilungarmi, ma se vi capita di vederlo in libreria acquistatelo.

Vorrei per altro ringraziare Nenè che mi ha dato l’opportunità di essere coautore di quest’opera

ed avermi dato ancora una volta la conferma del fatto che  " La poesia porta lontano ".

 

Marco Vasselli

 

3 commenti

Nulla oltre te


 
Nulla oltre a te
Nelle mie mani non vorrei nulla,
nulla che non sia
un tuo desiderio,
sogno, dolore.

Nella mia mente
vorrei tutto,
il tutto per
dividerlo con te.

Vorrei possedere
la maestosità
di una quercia
per tenerti al
sicuro sotto la mia ombra.

Vorrei possedere
la gioia di un bimbo
per farti vivere
giorno dopo giorno
un mondo nuovo.

Vorrei possedere
la pace degli abissi
per sentire nelle tue mani
la tranquillità.

Vorrei possedere
mille volte la vita
per viverla, dividerla,
mille volte con te.

 
 
Ana TF
Tutti i diritti sono riservati.

 

1 Commento

Dolce Minerva


 

 

 

Dolce Minerva

dagli occhi di cielo ed il cuore assente,

cosa vai cercando di lontano ?

Un amore andato ?

un abbraccio amico ?

o forse la tua infanzia che non v’è più,

il primo amore,

frammenti di passato.

 

Quando l’autunno

piegherà le tue ginocchia

come a soccombere e a rammaricarti,

a cosa saran serviti queli momenti ?

 

Quando le foglie gialle

cadranno dagli alberi a ciocche

spinte dal vento gelido

non saranno che cumuli d’incertezze

quelle brevi carezze sul volto

avute in quel passato che più non è

 

Ma dentro gli occhi di cielo

come brevi lapilli d’eternità

continueranno a rincorresi

come i bambini nei cortili di non so dove,

sapendo tristezza vana,

raccoglierai da terra l’incertezza,

proseguirai

 

 

Foto

Katy Scarlet ( New York )

Poesia

Marco Vasselli

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Engelskid


Es war einmal ein Engelskind
fern ab vom guten wege
einsam und willenlos übernahm
die Dunkelheit sein Leben

Engel sollen Menschen gutes tun,
deswegen erscheinen sie in so voller Pracht
doch besessen von dem bösen
war er schwarz wie die dunkle Nacht

doch eines Tages geschah das unfassbare
der Engel sah sein Spiegelbild
ein kleines Kind fiel von einer Brücke
weil es spielte und das wild

der Engel tastete an die Herzstelle
rettete das junge Leben
er bekam sein Licht zurück
und die Geschichte war geschrieben.

__________________

C’era una volta un bambino angelo
via sui sentieri bene
solo e involontariamente è diventato
il buio della sua vita

Angelo farà buona gente,
in modo che appaiano in tanta gloria
ma posseduto dal male
Era nero come la notte oscura

Ma un giorno arrivò l’incredibile
L’angelo guardò il suo riflesso
Un bambino piccolo è sceso da un ponte
perché si è giocato e la selvaggia

L’angelo ha toccato il cuore-corpo
salvato la vita di giovani
Ha riacquistato la sua luce
e la storia è stata scritta.

Angel Carola
All rights reserved

 

1 Commento

Il soffio della vita


 

Quante volte ho contato le stelle mentre la luna illuminava le mie notti.

Quante volte ho guardato oltre l’orizzonte mentre il sole accarezzava  la mia anima ad afferrare la Vita


Vita che va, che scivola tra le dita, spesso dietro un senso di vuoto che taglia i pensieri.

Rughe coperte da un pesante trucco di circostanza ogni volta che la solitudine ti costringe a fare un bilancio, ogni volta che un chiodo nel cuore lacera per un attimo il suo battito. E ti senti morire mille volte. Ma poi  la vita corre inesauribile inseguita dal tempo e sempre va alla ricerca di sogni mentre rigetta il dolore per una gioia che ti porta al di là del tempo e dello spazio

E la Vita ancora danza leggera come foglia d’autunno che lenta volteggia nei suoi mille colori.

E la piega ai lati del viso si illumina  mentre l’anima, pur stanca di dovere ricominciare ogni volta, si tende tra cielo e terra.

Corda vibrante in cui spiegare la musica della Vita

Ancora una volta. Più volte

 

Immagine e racconto di Ana TF

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Visione


 

 Quegli occhi quello sguardo quel sorriso Quegli occhi quello sguardo quel sorriso
Quel volto Liscio vienen porcelana Quel volto liscio come porcellana
Soave Quella voce e vellutata Quella voce soave e vellutata
Aggraziato Quel muoversi leggiadro ed Quel muoversi leggiadro ed aggraziato
Dentro mi si Scatena un uragano Dentro mi si scatena un uragano
Ed un subbuglio blu d’onde di mare Ed un subbuglio blu d’onde di mare
L’anima mi s’impiglia nei pensieri L’anima mi s’impiglia nei pensieri
Sarò mica approdato en una fiaba? Sarò mica approdato in una fiaba?

 

Dipinto e racconto di Ana TF

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Mi chiedo


 
Mi chiedo
dove sono andati a finire
i sogni che avevo
dove sia andata a finire
l’Estate.
 
Io che non sò finire
di chiedermi
di soffrire
di sperare,
io che non so restare
col cuore in tasca
e con le mani in mano.
 
Mi chiedo se vada poi così lontano
questa poesia
quando che il nulla torna,
in giornate come questa
a riempirmi
di ciò che frulla in testa,
queste giornate amare
per me che amar non sò
se non passato.
 
 
Marco Vasselli
 

3 commenti

Musica – Afterhours – Quello che non c’è


 

http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=9cf932fda48633781b89c8f9d0561555.flv&ap=0</OBJECT

 

 

Ho questa foto di pura gioia
E’ di un bambino con la sua pistola
Che spara dritto davanti a se
A quello che non c’è
Ho perso il gusto, non ha sapore
Quest’alito di angelo che mi lecca il cuore
Ma credo di camminare dritto sull’acqua e
Su quello che non c’è
Arriva l’alba o forse no
A volte ciò che sembra alba
Non è
Ma so che so camminare dritto sull’acqua e
Su quello che non c’è
Rivuoi la scelta, rivuoi il controllo
Rivoglio le mie ali nere, il mio mantello
La chiave della felicità è la disobbedienza in se
A quello che non c’è
Perciò io maledico il modo in cui sono fatto
Il mio modo di morire sano e salvo dove m’attacco
Il mio modo vigliacco di restare sperando che ci sia
Quello che non c’è
Curo le foglie, saranno forti
Se riesco ad ignorare che gli alberi son morti
Ma questo è camminare alto sull’acqua e
Su quello che non c’è
Ed ecco arriva l’alba so che è qui per me
Meraviglioso come a volte ciò che sembra non è
Fottendosi da se, fottendomi da me
Per quello che non c’è

 
L’intensitaà delle parole ed il video
 fanno di questo pezzo uno trai più emozionanti degli Afterhours

 

1 Commento

Musica – Francesco De Gregori – Povero me


Cammino come un marziano, come un malato,
come un mascalzane, per le strade di Roma.
Vedo passare persone e cani e pretoriani con la sirena.
E mi va l’anima in pena, mi viene voglia di menare le mani,
mi viene voglia di cambiarmi il cognome.
Cammino da sempre sopra i pezzi di vetro,
e non ho mai capito come, ma dimmi dov’è la tua mano,
dimmi dov’è il tuo cuore?

Povero me! Povero me! Povero me!
Non ho nemmeno un amico qualunque per bere un caffè.
Povero me! Povero me! Povero me!
Guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è.
Povero me! Povero me! Povero me!
Mi guardo intorno e sono tutti migliori di me.
Povero me, povero me, povero me,
guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è,
guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è.

Cammino come un dissidente, come un deragliato,
come un disertore, senza nemmneno un cappello
o un ombrello da aprire, ho il cervello in manette.
Dico cose già dette e vedo cose già viste,
i simpatici mi stanno antipatici, i comici mi rendono triste.
Mi fa paura il silenzio ma non sopporto il rumore,
dove sarà la tua mano, dolce,
dove sarà il tuo amore?

Povero me! Povero me! Povero me!
Non ho nemmeno un amico qualunque per bere un caffè.
Povero me! Povero me! Povero me!
Guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è.
Povero me! Povero me! Povero me!
Mi guardo intorno e sono tutti migliori di me.
Povero me, povero me, povero me,
guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è,
guarda che pioggia di acqua e di foglie, che povero autunno che è …

 

Francesco De Gregori

3 commenti

Il Diario – Silenzio 2


 
 
 
 
 
.

3 commenti

Una goccia di te


 
Seguo con le mani
le curve del tuo corpo
ed è bello solo
immaginarti
dietro la trasparenza del vestito
e sapere che non è importante spogliarti
Ti pettino con le dita
i capelli corvini,
ti bacio…
Una goccia di te
mi lava piano le labbra,
mentre il sole lascia
tracce di luce
sulla tua pelle bianca
 
 
Poesia scritta da
Ana TF
Tutti i diritti sono riservati
 

1 Commento

A lill crazy dancer called Kharon


 
Here there is your smile,
here there is your world,
here there is the wonderful friend that i can say to know.
 
An artist is crazy but not a lot
An artist is beauty, but not only this,
is a lover of life like you are,
and also we live far
I want to say to you
I love a crazy friend called Kharon,
She make full of colour my empty days,
and smile with me in a little ball of soap
that fly on the top of the friendship.
 
Tank you for all ^^
from your crazy italian poet .
 
 
Poem writen by Marco Vasselli
for Kharon Gillian Rossi the dancer and actress
a real friend that make me happy
every time we talk
 
___________________________________________________________

Aquí no es tu sonrisa,
Aquí no es tu mundo,
aquí está el amigo maravilloso que puedo decir de saber.
 
Un artista es una locura, pero no mucho
Un artista es la belleza, pero no sólo eso,
es un amante de la vida como eres,
y también el que vivimos ahora
Quiero decir a usted
Me encanta un amigo llamado loco Kharon,
Ella hace que llena de color mis días de vacío,
y sonreír conmigo en una pequeña bola de jabón
que vuelan en la parte superior de la amistad. 
  
 
 
Poema escrito por Marco Vasselli
para Kharon Gillian Rossi la bailarina y actriz
un amiga de verdad que me hacen feliz
cada vez que hablamos

1 Commento

La pochezza delle persone


La pochezza delle persone,
non è data da quante siano in un piccolo gruppo,
la pochezza delle persone
sono un’insieme di fraseggi sconfusionati
che non portano a nessuno sviluppo.
Esse non mi arricchiscono emotivamente,
non fanno di me una persona migliore,
esse,
con la la loro pochezza
fanno in modo che il mondo veda del loro nulla
come che di quel nulla
esse si nutrano
e lo adoperino come scudo per indifesi.
E se si fa di sofferenze un vanto,
se si pensa che tutti stiano dietro a sciami
come l’esercito della salvezza
scopro che la bellezza dell’amicizia
resta nel fatto che se la gioia va esternata a tutti
il dolore,
quello che di dentro un po tutti hanno,
debba arrivare solo a chi di dovere,
a chi comprende,
e che dolore ha avuto dalla vita.
Sono state poche nella mia vita fino ad ora
persone con i quali ho appeso al chiodo
timore e la barriera dei miei guai,
certe sono presenti da una vita,
certe sono già andate chissà dove,
ma con in cuore spero ciò che è stato.
Poche persone,
a cui io devo molto
poche persone
vere come rugiada di fine Aprile
col cuore verde e grande come un cortile,
dove corremmo noi
e la pochezza
lasciammo alle altre genti d’altre paste.
La pochezza dilaga,
ma se c’è al mondo
che sà di gioia e amore e mi ripaga,
gli dono il cuore, in carta da regalo,
come il più bel regalo,
un tratto di vita insieme,
un pò a ciascuno
fieri noi d’esser
sempre pochi e veri
sempre una spanna sopra
alle altre genti
ed alle loro saggia e inutile pochezza.
Marco Vasselli

27 commenti

Carmen Consoli – Quello che sento ( with Pon & Zì )


 

 

Potrei parlare.. discutere..

stringere i denti.. sorridere..
mentire infinitamente

dire e ridire inutilità

Mostrare falsa, ipocrita serenità.

Quando le parole si ribellano..
favole fiumi, mari, di perplessità..
non c’è una ragione per non provare

quello che sento.. dentro

un cielo immenso.. dentro
quello che sento..

Ho bisogno di stare con te
regalarti le ali di ogni mio pensiero
oltre le vie chiuse in me
voglio aprire il mio cuore a ciò che è vero

Potrei parlare.. discutere..

stringere i denti.. sorridere..
soffrire infinitamente..

trovare un senso all’inutilità
Mostrare falsa, ipocrita serenità,

 

quando le parole si ribellano

 

favole fiumi, mari, di perplessità..
non c’è una ragione per non provare

quello che sento.. dentro
un cielo immenso.. dentro

quello che sento

Ho bisogno di stare con te
regalarti le ali di ogni mio pensiero
oltre le vie chiuse in me
voglio aprire il mio cuore a ciò che è vero

 

Bella la canzone di Carmen Consoli

tratta dal suo primo disco

" Due parole "

Carino l’accostamento con Pon e Zì

 

6 commenti

FotoRacconto – Red – By Katy Scarlet


 

Red

 

http://cid-ac7a341f5138bd15.skydrive.live.com/embedicon.aspx/KatyScarlett/Red-ByKatyScarlet

 

By Katy Scarlet from New York

tank you my friend

all rights reserved

 

1 Commento

Il Diario – Silenzio 1


 
 
 
 
 
.
 
 

1 Commento

She want to fly – Ella quiere volar


She want to fly i tink
on bad days
on the wrong persons
on every small think that isn t ok.
she wanna say goodbye
at grey days
couse all the people that know she
says:
” Gully is a raimbow of colours
that make smile in heart of everyone “

 

 

Ella quiere volar i creo què
en los días malos
en la persona equivocada
en cada pequeño creo que puede ¿no.
lo que quiere decir adiós
en los días grises
couse toda la gente que sé que ella
dice:
“Barranca es un raimbow de colores
que hacen sonrisa en el corazón de todos “
Marco Vasselli for Gudrun Lilja Jònasdòttir
my best friend in the net
All rigths reserved

4 commenti

Musica – Fabrizio De Andrè – Rimini


 

 

Teresa ha gli occhi secchi
guarda verso il mare
per lei figlia di pirati
penso che sia normale

Teresa parla poco
ha labbra screpolate
mi indica un amore perso
a Rimini d’estate.

Lei dice bruciato in piazza
dalla santa inquisizione
forse perduto a Cuba
nella rivoluzione
o nel porto di New York

nella caccia alle streghe
oppure in nessun posto
ma nessuno le crede.

Coro: Rimini, Rimini

E Colombo la chiama
dalla sua portantina
lei gli toglie le manette ai polsi
gli rimbocca le lenzuola

"Per un triste Re Cattolico – le dice –
ho inventato un regno
e lui lo ha macellato
su di una croce di legno.

E due errori ho commesso
due errori di saggezza
abortire l’America
e poi guardarla con dolcezza

ma voi che siete uomini
sotto il vento e le vele
non regalate terre promesse
a chi non le mantiene ".

Coro: Rimini, Rimini

Ora Teresa è all’Harrys’ Bar
guarda verso il mare
per lei figlia di droghieri
penso che sia normale

porta una lametta al collo
è vecchia di cent’anni
di lei ho saputo poco
ma sembra non inganni.

"E un errore ho commesso – dice –
un errore di saggezza
abortire il figlio del bagnino
e poi guardarlo con dolcezza

ma voi che siete a Rimini
tra i gelati e le bandiere
non fate più scommesse
sulla figlia del droghiere".

Coro: Rimini, Rimini

 

Questa è tra quelle che preferisco di Faber

 

1 Commento

Beyond the Moon – al di là della luna


 
Beyond the Moon
there is a coldness,
the void of absence,

the siege of melancholy.
beyond the moon
weightlessness
and lightness of head, with thoughts.
 
Beyond the Moon
There is no ‘today
there yesterday
is only
constant coming and going
days gone

beyond the Moon 

 
_______________________
 
 
Al di la della Luna
c’è il gelo dell’anima,
il vuoto dell’assenza,
l’assedio della malinconia.
al di là della luna
assenza di gravità
e leggerezza di testa, di pensieri.
 
Al di là della Luna
non c’e’ oggi
non c’è ieri
soltanto c’è
un continuo andirivieni
di giorni andati via

al di la della Luna
 
 
 
Marco Vasselli
All Rights reserved

 

 

  
 

5 commenti

Fotoracconto – fulgidi attimi


 
 
Creazione di Carmen Basile
Tutti i diritti sono riservati
 

1 Commento

Tù y yò



Tú y yo
en un espacio de tiempo que no tiene límites,
agazapados en las sombras de soles lejanos,
amados y amantes ala vez …

Tú y yo
en el calor de un abrazo
cerco vivo
Invierno calido
la pasión eterna
lo que demuestra no tener fin
la agonía y el éxtasis
que no se tienen miedo.

Tú y yo
cogidos de la mano
mientras que Dios nos muestra
infinita tu vanidad.

_____________________

Tu ed io
in uno spazio di tempo non ha limiti
in agguato nell’ombra di soli lontani,
Una volta amato e ala amare …

Tu ed io
nel calore di un abbraccio
live recinzione
Warm Winter
eterna passione
che mostra senza fine
il tormento e l’estasi
Non abbiate paura.

Tu ed io
tenendosi per mano
mentre Dio ci mostra
infinita vanità.

Poesia scritta da
Ana TF
Tutti i dirittisono riservati

1 Commento

…e piansi …


 
… e piansi…
come che nulla tornae tutto resta
immobile,
incombe il ricordo
un sorriso strappatomi a forza
e vado
dove non sò sapere ne azzittire
questo fiotto strozzato a fatica
e di te che sei stata mia amica
il ricordo
 
 
Marco Vasselli
per L.M.
 

3 commenti

En largas avendidas


 
Antorchas encendidas en las largas avenidas
buscan las via de evacuacion de un pensamiento,
corren sobre la piel los grises y los negros.
Huellas de nube derrite el sol,
amando siento una sombra
lloverme, cerca, a los pies
y gimo.
 
————–
 
Torce accese in lunghi viali
cercare la via di fuga di un pensiero,
sulla pelle sono i grigi ei neri.

Tracce di nube si scioglie al sole,
Mi sento un ombra amorosa
pioggia, vicino ai piedi
e gemito.

 
 
Poem wrote by Ana TF
All Rights Reserved

 


 

1 Commento

Fotoracconto – La gioia che passa


 

 

 

BINARI GIA’ VUOTI

TI GIRI UN SECONDO,

E’ QUESTA LA VITA…

COSI’ GIRA IL MONDO !

AMORI SI CERCANO

ED ALTRI SI PERDONO.

UN TRENO CHE ARRIVA

E UN ALTRO PARTENDO

LASCIAN SOGNARE

CHI VIVE DI STORIE.

CHI VIVE CON POCO

CHI SOGNA E HA PASSIONE

SI LASCIAN PASSARE

QUEI TRENI DI AMORI

SOLTANTO IN UN POSTO…

DIRETTI NEL CUORE .

 

IMAGINE E POESIA DI MARCO VASSELLI

TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI

 

1 Commento

Fotoracconto – Istantanee


5 commenti

Quante stelle nel cielo


 
" Guarda che bello il cielo,
che vi saranno un milione di stelle credi ? "
" Stronzo, ne manca una, conta bene !! "
 
 
Marco Vasselli

7 commenti

An angel with the amphibians – Un angelo con gli anfibi


 
  Black dressed
as the night sky
and behind the veil
a little smile
much resentment and desire for change. 

  
Autoironia
And a bit of life
Amphibians and a baby cradle.

  

And life too many times you have betrayed
And life is a constant lament
Like that song …
Because everyone wants Ale as they say
But nobody knows what she wants
Or ignore it … 

  
"Not worth anything …"
"The only woman in the house …"
As in the Middle Ages
As people without feeling
Meaningless. 

  
Make sympathy shield
The smile an insult
To those who mortify you,
Make your heart your diamond in the dark
Why is your best gift
Leading to those who appreciate. 

  
By Ale a beer with friends …
Laughter in the wind
And that your amphibians
To walk on intolerance.

 
 
 
 
 Nero vestita,
come la notte il cielo
e dietro il velo
di un sorriso accennato
tanto rancore e voglia di cambiare.
 
Autoironia
E un pizzico di vita
Anfibi ed un bambino da cullare.
 
E la vita troppe volte ti ha tradito
E la vita è un lamento continuo
Come quella canzone …
Perché tutti vogliono Ale come dicono loro
Ma nessuno sa quello che vuole lei
O lo ignorano…
 
“Non vali niente …”
“L’unica donna in casa…”
Come nel Medioevo
Come gente senza sentimento
Senza senso.
Fai della simpatia uno scudo
Del sorriso un insulto
Verso coloro che ti mortificano,
Fai del tuo cuore il tuo diamante nel buio
Perché è il tuo dono migliore
Che porterai a chi lo sa apprezzare.
 
Dai Ale…una birra tra amici
Una risata al vento
E quei tuoi anfibi
Per camminare sull’intolleranza.
 
 
 
Marco Vasselli dedied this poem at Alexis Ghidoni
All rights reserved
 

1 Commento

Il Diario – Un libro per Greta con noi di Windows Live


 
Non sto scrivendo per promuovere un evento, non sono Umberto Saba, ma sto scrivendo perchè la poesia ha portato lontano per davvero stavolta. Ha portato lontano dalla mia vita una persona a cui tempo fa dedicai la poesia " Ho imparato a capire ", che farà parte dell’antologia promossa da Nenè dal titolo " Greta e la nuvola " scritta da me, come da amici di Msn come Armonia, JackMax ed altri.
 Ebbene penso a questa persona adesso che era felice di questo a suo tempo ( Aprile o Maggio 2009 ) Poi gli eventi o il fato o quello che c’e’ lassù mi han voluto togliere la sua amicizia. Ebbene, se da una parte sono lieto dell’uscita del libro, dall’altra penso anche al lato più triste della cosa, chi dovrebbe, non avrà modo di saperlo, e, parlandone con Martina, la mia " Fan numero uno " mi ha detto di vedere il lato positivo.
 Il libro uscirà, cioè sarò su carta, cioè tre mie poesie, è stupendo.
 Molti mi chiedono perchè spesso azzecco nomi di gente nelle poesie del blog, beh, forse è perchè gli devo qualcosa a queste persone, a chi c’è a chi c’è stato, a ci mi legge e non mi commenta, ma comunque so che apprezza ciò che faccio quì da più di tre anni. Posso solo dire come dicevo nella suddetta poesia " La vita è un viaggio a senso unico con un solo biglietto "
 ed io ringrazio ognuno di voi ( e non mi rimproverate ma ve lo devo ), chi c’era, chi c’è stato e ci sarà. Domani sarà migliore, non saprei,
per ora vivo alla giornata. Quando uscirà il libro lo renderò noto quì.
 
 
Marco Vasselli
 

1 Commento

I giorni migliori


 
I giorni migliori
sono giorni migliori di questo,
quando il sorriso la fa da padrone,
quando per ogni questione
una mano d’amico si tende
e solleva da melma e sconforto
questo pavido me.
 
I giorni migliori di questo
erano quelli di non molto tempo fa
quando ci stava ancora chi sorride
per ogni mia sventura,
ma con la stessa sventurata vita, mi aiutava.
 
I giorni migliori di questo
sono quelli che adesso
non scorgo
vuoi perchè nostalgia del passato,
vuoi perchè sò che nulla è perduto,
ma sò pure che duole nel petto
il ricordo di quel che era prima.
 
I ricordi,
fan bene i ricordi ?
Non lo so, ma è che in dì come questi
sembra l’unica cosa che resti
aspettando vi siano di nuovo
anche pochi
fottuti momenti
che dian giornoi migliori di questo
 
Marco Vasselli
 

1 Commento

L’indistricabile


 
Una giornata andata,
un’altra ancora,
senza che si risolva dentroi me
l’indistricabile certezza
del nulla,
come che nulla torna e nulla resta
in un’altra giornata come questa.
 
 
Marco Vasselli
 

4 commenti

A Massimo, DiS e Black Mirror


 
Tutte le volte che mi son sentito giù
c’eran duemila pronti a consolarmi
 
Di questi,
milleottocentonovantotto
eran per vanto,
per mettersi un po in mostra,
senza sapere se,
di che parlare.
 
Di questi ancora
millesettecentonovantotto
eran per sparlicchiare,
del tipo
" me ne fotto "
e ci facevan
ricami sotto sotto,
tra fraintendimenti e varie cose.
 
Rimasero in duecento solamente,
ma già sapevo che erano sei o sette.
 
Qualcuno di questi pochi
partì senza di me
per nuovi lidi,
diciamo pure altrove,
ed ora che
siamo rimasti in quattro
sempre mi torna spesso nella mente
di quelli andati,
cui pure ho dato tanto,
e che vorrei aver di nuovo assieme,
assieme a me,
ma per mia pesantezza,
fierezza ed il mio orgoglio,
ci penso sì, che li rivorrei ora,
ma se ci penso sì,
che cosa voglio ?
Non ho fatto che perderli, senza neppure saperlo.
 
Ed ora siamo in quattro
io te Alexis, Dada, Vale e Marty
e pochi altri
a portar croci che nessuno toglie
ma col sorriso siam pronti ad orizzonti
nuovi tenendo in cuore quel che è stato.
 
 
Marco Vasselli
A Massimo, DiS e Black Mirror
 
 
 
 

15 commenti

VideoRacconto – Gully


 

 http://it.netlog.com/go/widget/videoID=it-4883020

 

Couse friendship never know distances

 

1 Commento

Musica – Francesco Guccini – Canzone quasi d’amore


 

 

 

Non starò più a cercare parole che non trovo
per dirti cose vecchie con il vestito nuovo,
per raccontarti il vuoto che, al solito, ho di dentro
e partorire il topo vivendo sui ricordi, giocando coi miei giorni, col tempo…

O forse vuoi che dica che ho i capelli più corti
o che per le mie navi son quasi chiusi i porti;
io parlo sempre tanto, ma non ho ancora fedi,
non voglio menar vanto di me o della mia vita costretta come dita dei piedi…

Queste cose le sai perchè siam tutti uguali
e moriamo ogni giorno dei medesimi mali,
perchè siam tutti soli ed è nostro destino
tentare goffi voli d’ azione o di parola,
volando come vola il tacchino…

Non posso farci niente e tu puoi fare meno,
sono vecchio d’ orgoglio, mi commuove il tuo seno
e di questa parola io quasi mi vergogno,
ma c’è una vita sola, non ne sprechiamo niente in tributi alla gente o al sogno…

Le sere sono uguali, ma ogni sera è diversa
e quasi non ti accorgi dell’ energia dispersa
a ricercare i visi che ti han dimenticato
vestendo abiti lisi, buoni ad ogni evenienza, inseguendo la scienza o il peccato…

Tutto questo lo sai e sai dove comincia
la grazia o il tedio a morte del vivere in provincia
perchè siam tutti uguali, siamo cattivi e buoni
e abbiam gli stessi mali, siamo vigliacchi e fieri,
saggi, falsi, sinceri… coglioni!

Ma dove te ne andrai? Ma dove sei già andata?
Ti dono, se vorrai, questa noia già usata:
tienila in mia memoria, ma non è un capitale,
ti accorgerai da sola, nemmeno dopo tanto, che la noia di un altro non vale…

D’ altra parte, lo vedi, scrivo ancora canzoni
e pago la mia casa, pago le mie illusioni,
fingo d’ aver capito che vivere è incontrarsi,
aver sonno, appetito, far dei figli, mangiare,
bere, leggere, amare… grattarsi!


 

1 Commento

Vita


 

Luccicano,piegandosi
a radersi chini i fili della gramigna
la ove, ora si flettono in fila indiana
le pannocchie
Corrente, spira da ovest
a rendere l’eco del mare in un tuono eminente
la sua voce lampante di un padrone esigente
di sua naturale invadenza non raffredda i nostri cuori
non ancora sazi di gioie estive.
Volano gli aghi di pino nell’umido del suo soffio
intralcia il viale di foranti spade sparpagliate
mentre il moto ondoso si divora la rena
in un frenetico abbandono dei suoi arrivi.
Il passaggio di tal forza
che di sale ci pizzica le narici
a rinvenir chi di tale fortuna non renda giustizia
A ricordarci a noi che di tal respiro
fin dà fanciulli ci riempiva la vita di gioie paesane.
Passerà pure stavolta
come le stagioni il suo sibilo rassicurante e caldo
sulla nostra pelle
a ricordar ad ognun di noi la fine di un’età
e l’inizio di un altro autunno
Quello che il destino da tal soffio
ha riempito i nostri occhi
scalfito lacrime sulla guancia
regalandoci carezze
Riservandoci nell’intimità dei pochi il suo caloroso respiro
e il suo ritorno per il nostro avvenire

 

Poesia scritta da Ana TF

Tutti i diritti sono riservati.

1 Commento

Sempre Avanti !!


 

TI PUO’ AVER LASCIATO UNA DONNA

MA NON IMPORTA COME NE PERCHE’…

SE PENSI CHE NE VALGA LA PENA

 TENTA DI RECUPERARE IL TERRENO PERDUTO.

ALTRIMENTI E’ PROPRIO SU QUEL TERRENO

 CHE COSTRUIRAI IL TUO FUTURO E CON O SENZA LORO

 ANDRAI SEMPRE AVANTI LIBERO DAL RIMPIANTO

 

Marco Vasselli

 

La poesia porta lontano

 

L’immagine " La poesia porta lontano "

simbolo di questo blog

è una creazione di Alexis Ghidoni

12 commenti

Alba nuova


 

E’ l’alba

sopra d’un cielo indaco d’incanto,

sopra dei tetti quì, per questi posti

dove periferia

già si confonde al centro.

Sarà per me un’alba nuova ?

Io me lo spero,

ma quale alba

mi aiuterà a correggere gli errori

di questo uomo

io

un po vano un po poeta,

io

che non so fare altro

che perdere

senza possibilità di riprovare

quelle persone amiche

che ora tali non lo sono più.

Giorno,

fotocopia di ieri,

sorgi,

avvolgimi in un manto d’afa estiva

conducimi nei posti di quel tempo

dove di gioia e incanto io vivevo,

dove che gioia e icanto

in un briciolo di minuti

son diventati

inesorabilmente

il vuoto.

 

 

Foto e poesia di

Marco Vasselli

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Labios de dulce vino


 

labios de dulce vino
irradia besos oscuros
amor silencioso
reflejado en dulces aguas
lluvia de liquidos
acostumbrados a la tormenta
en una suerte adversa
la sombra de un río.
un día
amantes para siempre
viva el engaño
en el nombre del amor.

 

Poesia scritta da Ana TF

Tutti i diritti sono riservati

1 Commento

Siediti quì con me


 
" Siediti quì con me
e guarda
dell’andare i giorni,
del cuore i battiti,
del tempo le lacrime,
i sorrisi
le paure
le incontenibili esplosioni di gioia.
Shhh …
ricordi ?
Quando l’Estate si andava a Tivoli con papà
e non sapevi nuotare?
Ne è passato di tempo eh … ? "
 
" Pensi si possa dimenticare il passato,
o per lo meno
estrapolare i dolore,
tenere solo le cose belle ? "
 
" Eccoci,
eccoci quì
quì avevi un gruppo
di circa trenta amici,
vent’anni
capelli fino alle spalle
ed una giacca bordeaux per l’inverno,
una risata fragorosa come il tuono,
ma buona come quella di tuo papà.
Ricordi ?
Sei stato male che lui non c’era
e ti credevi che il mondo fosse immondizia
e sfortunato
perchè vedesti chiuderti le porte
delle mille e mille possibilità di chi lo aveva.
 
Shhh …
non piangere
non si può dimenticare il dolore,
ma quante cose potevano andar meglio "
 "Sì ma cos’è allora
questo strano presentimento che non va via,
come che il peggio
ha ancora da venire
è lì che incombe "
" Siediti insieme a me,
ricorda del tuo quartiere
delle nottate passate in una piazzetta
con Paoletto a suonare la chitarra,
e tu cantavi Vasco
e le sapevi tutte,
adesso se guardi indietro cosa vedi ? "
 
" Vedo il me stesso andato
ed il carattere quello
e la stessa risata mia di allora
fragorosa come il tuono
ma buona come quella di mio papà "
 
 " E allora vedi
che se i perduti amori e amici andati
t’hanno lasciato tanto amaro in bocca,
è stato bello esserci,
per tutto il tempo che ci sono stati.
 
Essi con i rancori ancora dentro,
oppure per volere del destino,
oppur per colpa tua
t’hanno smarrito,
sapranno che sei servito a qualche cosa,
tra un mese, un anno,venti
o non sò quando
e si ricorderanno
di quel ragazzo con il cuore buono
e con la stessa risata di suo papà. "
 
 
Marco Vasselli
 
 
 

5 commenti

Dual Video – Fabrizio De Andrè / Vasco Rossi – Amico ffragile


 

Fabrizio De Andrè

 

 Evaporato in una nuvola rossa
in una delle molte feritoie della notte
con un bisogno d’attenzione e d’amore
troppo, "Se mi vuoi bene piangi "
per essere corrisposti,
valeva la pena divertirvi le serate estive
con un semplicissimo "Mi ricordo":
per osservarvi affittare un chilo d’era
ai contadini in pensione e alle loro donne
e regalare a piene mani oceani
ed altre ed altre onde ai marinai in servizio,
fino a scoprire ad uno ad uno i vostri nascondigli
senza rimpiangere la mia credulità:
perché già dalla prima trincea
ero più curioso di voi,
ero molto più curioso di voi.

E poi sorpreso dai vostri "Come sta"
meravigliato da luoghi meno comuni e più feroci,
tipo "Come ti senti amico, amico fragile,
se vuoi potrò occuparmi un’ora al mese di te"
"Lo sa che io ho perduto due figli"
"Signora lei è una donna piuttosto distratta."
E ancora ucciso dalla vostra cortesia
nell’ora in cui un mio sogno
ballerina di seconda fila,
agitava per chissà quale avvenire
il suo presente di seni enormi
e il suo cesareo fresco,
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita
debba in qualche modo incominciare una chitarra.

E poi seduto in mezzo ai vostri arrivederci,
mi sentivo meno stanco di voi
ero molto meno stanco di voi.

Potevo stuzzicare i pantaloni della sconosciuta
fino a farle spalancarsi la bocca.
Potevo chiedere ad uno qualunque dei miei figli
di parlare ancora male e ad alta voce di me.
Potevo barattare la mia chitarra e il suo elmo
con una scatola di legno che dicesse perderemo.
Potevo chiedere come si chiama il vostro cane
Il mio è un po’ di tempo che si chiama Libero.
Potevo assumere un cannibale al giorno
per farmi insegnare la mia distanza dalle stelle.
Potevo attraversare litri e litri di corallo
per raggiungere un posto che si chiamasse arrivederci.

E mai che mi sia venuto in mente,
di essere più ubriaco di voi
di essere molto più ubriaco di voi.

_____________________________

 

Fabrizio De Andrè – Vasco Rossi


 

 

1 Commento

Tra passato e futuro


 

Dopo il momento brutto

viene sempre il momento bello

è allora che ti accorgi

di chi ti vuole bene veramente

e con un sorriso sulle labbra

ripartirai per altre mete ancora

il passato ce lo portiamo dentro

ricordati che ti voglio ancora bene

 

 

marty past present

 

 

Poesia di Martina C.

per Marco Vasselli

Foto e soggetto di Martina C.

Editing Marco Vasselli

 

Tutti i diritti sono riservati

 

3 commenti

Il Diario – Ðιک


 
*´¨)
¸.•´¸.•*´¨) ¸.•*¨)
(¸.•´ (¸.•` * ..:¨¨** Ðιک
.

1 Commento

Que sea un lindo dia


 
Happy Birthday dear Markito!!!!
yo quiero torta ,
 queremos q parta la torta y Gully y yo
 la comeremos toda ,
 lol ^^
 Que sea un lindo dia,
 lleno de alegria uno mas,
 de los muchos q vendra llenso
 de felicidad y logros, tkm
 
 
Ance Orrego
For Marco Vasselli
All Rights Reserved
 

1 Commento

Compleanno distratto


 

Se potessi

preparare un dono

 veramente particolare,

 ti regalerei l’opportunità

di guardare con gli occhi miei

la persona speciale che sei..

Spero tu possa trascorrere

questo giorno

con il sorriso sulle labbra..

Tanti auguri

Perlarara.

 

 

Ðιک.

per Marco Vasselli

Tutti i diritti sono riservati

2 commenti

VideoRacconto – Grazie Marty


 

  http://it.netlog.com/go/widget/videoID=it-4926398

 

 

Grazie per quello che sei stata, sei e sarai per me

perchè le stelle di plastica talvolta sono quelle che brillano di più

perchè l’amicizia, quella con la A maiuscola non finisce mai

e sarai sempre la mia fan numero 1

 

 

Video editing by

Marco Vasselli

a Martina C.

 

3 commenti

Searching for a friend – Birthday Edition


I AM LOOKING FOR A FRIEND TODAY,
A FRIEND WHO WILL NEVER STAY AWAY.
I WANT ONE FRIEND OR MAYBE TWO,
BUT I WANT A FRIEND WHO IS JUST
LIKE YOU…
I AM LOOKING FOR A FRIEND TODAY
A FRIEND THAT WILL EVER STAY
IN A IN A SPECIAL CORNER OF MY HEART
AND TKE IT CAREFULLY
AND WE ARE THAT, WE ARE MARCO AND GULLY

Poem wrote by

Gudrun lilja Jònasdòttir

and Marco Vasselli

All rights reserved

3 commenti

Musica – Ligabue – Ho messo via


 

 

Ho messo via un pò di rumore
dicono così si fa nel comodino c’è una mina
e tonsille da seimila watt.
Ho messo via i rimpiattini
dicono non ho l’età
se si voltano un momomento
io ci rigioco perchè a me… va.
Ho messo via un pò di illusioni
che prima o poi basta così
ne ho messe via due o tre cartoni
comunque so che sono lì.
Ho messo via un pò di consigli
dicono è più facile
li ho messi via perchè a sbagliare
sono bravissimo da me.
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via te
Ho messo via un pò di legnate
i segni quelli non si può
che non è il male nè la botta
ma purtroppo il livido.
Ho messo via un bel pò di foto
che prenderanno polvere
sia su rimorsi che rimpianti
che rancori e sui perchè
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via te
In queste scarpe
e su questa terra che dondola
dondola dondola dondola
con il conforto di
un cielo che resta lì
Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà.
Ho messo via un bel pò di cose
ma non mi spiego mai il perchè
io non riesca a metter via
riesca a metter via,
riesca a metter via te

 

Questa semplicemente me la dedico

 

4 commenti

Bambolina senzasenso


 
Con un vestitino sgargiante color del cielo,
me ne frego altamente di chi ha bisogno,
oh che belli i fiorellini nel giardino del mio vicino,
ma l’erba del mio vicino è sempre più verde.
 
E con scarpette di cristallo
la bambolina del carillon felice danza
e al ritmo del valzerino di Re Luigi
mi esento da aver problemi temporeggiando.
 
E non mi importa se chi c’è stato c’è stato male,
la bambolina del carillon
che vive nella casa di marzapane
che dice le favolette
doveva ricolorare le nuvolette.
 
Con un balzello in avanti
una piroetta all’indietro
e con la scusa che il mondo esista se ne ha bisogno,
la bambolina simula astuta comprensione
al fin di raccattar qualche consenso.
 
Ma tu dov’eri  bambolina vestita a festa,
mentre per lunghi mesi qualcuno seppe
tirare avanti e stringere un pò i denti,
per tutti i suoi dolori, questi e quelli ?!
 
Ma tu dov’eri bambolina cara,
quando la plebe ti acclamava forte ?
forse per colorare di frasette
le nuvolette
e i fiori sul balconcino
dimenticasti tutti
questi e quegli altri amici
e ancora dici
di cose senza senso.
 
 
Marco Vasselli
 

1 Commento

I danni dell’anima


 
… e i danni dell’anima chi me li ripara ?
forse questa gentaglia egocentrica ?
no, no,
forse sei sette amici
quelli in cui ci vedo il mio futuro
e tengo in cuore
tutta la strada amara
da Luglio fino a adesso
depresso, scosso
per una perdita che nessuno sino infondo capirà.
 
Per come sono
scrivo d’istanti andati.
 
A tratti allegro, ma sempre amaro infondo,
per aver perso
quella piccola parte del mio mondo
che completava il cerchio
tappando un buco in cuore.
 
Chiunque leggerà
ci interpreti che vuole amica mia,
chi leggerà e sà
ci leggera il terzetto
che adesso siamo due
ed eravamo quelli dei video sempre a rider
ed eravamo lampi d’eternità
nuotando nell’aria
ed eravamo allegri
ironici scazzati
ed eravamo critici,
cinici
ed eravamo Smile
Buckowsky
od Henry Miller.
 
Chi leggerà
e che ti conosceva
saprà che il mondo tuo era anche il mio
unica vera amica che abbia avuto
da questi megabyte
da questo posto
dove chi viene arriva e lascia il segno,
ma dentro me,
ma te
il segno più profondo
lo lasci dentro me,
mi stai mancando.
 
Ma tanto che scrivo a fà
non serve affatto
ora che stai
dove non sò sapere,
ma ripensarti non mi dà dolore,
solo i brevi lieti momenti
che tornano in me
lasciandomici dentro
 
 
Marco Vasselli
a L.M.
la persona migliore che abbia conosciuto nel web
( non me ne vogliano gli altri, non è una gara, ma è così )
 

18 commenti

Besides the black mirror – Oltre lo specchio nero


 

Besides the black mirror

One day, long ago
I saw a black mirror
Where there were reflected
Words soul
Also suffered and black
But hope
to seek light.

Were only breaths
Expectations of better times,
And then suddenly came out
from mirror
girl
often reflecting
as its mirror
go over things
and love
and throughout life.

I said
"I’ll put in this mirror
A little ‘of this and that
When life does not help at all,
and the hopes and dreams,
is a little ‘me’

And from that little ‘about her that I knew
I began to learn a bit more ‘more
I began to travel the way he sees
Her with a smile that always brings me
When things Metton contrary
It asks me advice
It gives me joy
It makes me feel good
Overcoming the boredom.

And how many trips we run together
Along the paths of inspiration?
Many moments to laugh and joke again?
I do not know, but thank you Faith
all the time to be relieved.

My friend just wanted to tell you
And in bad times
When you can not do
Know that I am here anytime
And wrote of life
And travel
Like the poets only know to do
from the mountains to the sea
the soul to the heart.

Mark Vasselli to Federica

______________________

 

Oltre lo specchio nero

 

Un giorno, tempo fa

Vidi uno specchio nero

Dove riflesse v’erano

Parole d’anima

Sofferte e nere anch’esse

Ma di speranza,

volte a cercare luce.

 

Non erano che respiri

Attese di tempi migliori,

ed ecco che d’un tratto venne fuori

da quello specchio

una ragazza

che rifletteva spesso

come il suo specchio

sulle cose andate

e sull’amore

e della vita tutta.

 

Mi disse:

“ in questo specchio io ci metto

Un po’ di questo e quello

Quando la vita non aiuta affatto,

e le speranze, e i sogni,

è un po’ di me “

 

E da quel po’ di lei che io sapevo

Presi a saperne sempre un po’ di più

Presi a viaggiare il suo modo di vedere

Lei col sorriso che mi porta sempre

Quando le cose si metton di contrario

E che mi chiede consiglio

E mi da gioia

Mi fa star bene

Superar la noia.

 

E quanti viaggi correremo  assieme

Lungo i percorsi dell’ispirazione ?

Quanti momenti ancora a ridere e scherzare ?

Io non lo so, ma ti ringrazio Fede,

per tutto il tempo che sarà sollievo.

 

Amica mia volevo dirti solo

Che nei momenti brutti

Quando non ce la fai

Sappi che io ci sono quando vuoi

E scriveremo ancora della vita

E viaggeremo

Come i poeti solo sanno fare,

dalla montagna al mare

dall’anima al cuore.

 

Marco Vasselli a Federica

5 commenti

Il Diario – DiS 2


(“)_(“).-“”’-.,/)
; ° ° ‘; – ., , ‘ )
(♥_, )’__,)’-._)
Ðιک.

.

1 Commento

Por dos Amigos


 

Son tan pocas las palabras

 que describen a las amistades verdaderas,
 
 q uno puede pecar en el intento,
 
solo puedo decir GRACIAS , por tenerlos a los dos como amigos,
 
amigos verdaderos,
 
los quiero mucho!!!
 
 
 
 
 
 
Poem and photo
 
by Ance Orrego,
 
Dedied from Ance
 
to Gudrun Lilja Jònsdòttir and Marco Vasselli
 
All rights reserved
 

5 commenti

The party


 
If my heart and your heart
when we meet stay united
we can organize a party
where everyone, envited,
take him friendship
togheter your, toghether mine.
 
Gully i went to make a party,
where all my friend could meet you
so that i can say
stay here in my life my friend
dopn’t go away again.
 
We can call Ance, Kharon and Hulya
and i can take at the party
Tony, Fabrizio, and Alessandro, and Marty
i could present to you
Carmen, Lauretta and Crystal,
but also Vally, Massimo, Dada, Distratta,
Christina, Pangie, and Ana,and Cinzia, and Manu
 
Everybody, dancing
could remember to you
that for a friend i could make chilometers,
and fly in the sky, swim in the ocean, or take only a bus,
but everybody stay inside my heart,
and you, like eveveribody, and now much more
when need an help, could to say to me
to make a party only also for only a smile,
you close the eyes, i send all the invitation
and in a moment
we stay toghether there.
 
Beautiful friend
with the heart like an a big home
we could be again the pixie and the gnome
and is not important if in Reykjavic or Rome
we dance again until the legs go on
and in a bit, togheter the other friends
we say again and for a time again
that real friendship never have an end.
 
 

 
Marco Vasselli
For
Gudrun Lilja Jònasdòttir
my friend with a noble heart
 

3 commenti

Che senso ha ?


 
Che senso ha essere amici
se non stringi la mia mano e non mi mostri il tuo volto
non mi dai il tuo abbraccio, il tuo bacio! …
 
Sembra ieri che la mia immagine appariva
tra le mille righe scritte delle tue poesie…
 
Che senso ha se la pioggia non ci bagna
e il caldo sole ci asciuga sotto la tempesta….
 
Lasciami da sola,lasciami soffrire!
tra le follie :il tempo è il mio destino…
lasciami il silenzio che mi avvolge e mi nasconde
e fa che il mite sguardo penetri nello spirito dei sensi …
…pensieri bramano destini:
I tuoi no, i tuoi perché sono figure inaridite…
sono gocce di un’acqua torbida che ti ha pietrificata.
Ho parlato al vento in una notte innamorata
di te ,all’indelebile natura:
Di un tempo irrequieto che ho vissuto,amato!
di un lenzuolo mai steso per sentirne ancora il tuo odore.
 
L’ultimo è il mio grido di questa voce stanca
sola una è la parola che da te vorrò sentire…
 
 
Poesia scritta da Ana TF
Tutti i diritti sono riservati
 

 

1 Commento

Il Diario . DiS 1


 
/(",)
./♥. 
           _| |_ . . .Ðιک.
.

3 commenti

Musica – Francesco De Gregori – Pezzi di vetro


 
 

 

L’uomo che cammina sui pezzi di vetro
dicono ha due anime e un sesso di ramo duro in cuore
e una luna e dei fuochi alle spalle mentre balla e balla,
sotto l’angolo retto di una stella.
Niente a che vedere col circo,
nè acrobati nè mangiatori di fuoco,
piuttosto un santo a piedi nudi,
quando vedi che non si taglia, già lo sai.
Ti potresti innamorare di lui,
forse sei già innamorata di lui,
cosa importa se ha vent’anni
e nelle pieghe della mano,
una linea che gira e lui risponde serio
"è mia"; sottindente la vita.
E la fine del discorso la conosci già,
era acqua corrente un pò di tempo fà che ora si è fermata qua.
Non conosce paura l’uomo che salta
e vince sui vetri e spezza bottiglie e ride e sorride,
perchè ferirsi non è impossibile,
morire meno che mai e poi mai.

Insieme visitata è la notte che dicono ha due anime
e un letto e un tetto di capanna utile e dolce
come ombrello teso tra la terra e il cielo.
Lui ti offre la sua ultima carta,
il suo ultimo prezioso tentativo di stupire,
quando dice "È quattro giorni che ti amo,
ti prego, non andare via, non lasciarmi ferito".
E non hai capito ancora come mai,
mi hai lasciato in un minuto tutto quel che hai.
Però stai bene dove stai. Però stai bene dove stai.

3 commenti

La strada che porta a te


Vorrei che fosse già passato
tutto il tempo necessario
per poter riaprire lo scrigno
dove è custodito il tuo sorriso,
guardarlo con serenità
e seguire la sua scia
come se fosse un strada di stelle
che porta a te.

 

 

Poesia di Ana TF

Tutti i diritti sono riservati

4 commenti

Ho visto il tuo cuore


 
Ho visto il tuo cuore
rannuvolarsi di nebbia
per un mancato amore,
ti sono stata vicino
deliziandoti di parole,
nascondendo il piacere di un bacio
che avrebbe allontanato
il tuo splendore dal mio sguardo.
 
Osservo le tue lacrime
raccogliersi sull’orlo della tua poesia
donandoti bontà
come un saggio che ascolta
dietro l’ombra della sua serenità.
 
Domani sarai luce
ed io sarò fiera
di aver accolto il tuo abbraccio
nel tiepido confine
di una vita che rinasce
ad ogni respiro d’aurora.
 
 
Poesia scritta da Ana TF
 
Tutti i diritti sono riservati
 
 
 

 

7 commenti

From Traveling 2 fooding

Hand-picked Traveling and Fooding places

psychologistmimi

Food, Road Trips & Notes from the Non-Profit Underground

FOXTURBO

#Pra fazer bons negócios # homens #mulher de 18a60 que mora no Brasil,#Portugal,#Angola #Argentina

Lake Sea Water

Musings, tales

Beyond Fifty Shades

Erotic Fantasies

The Thinking Pen

Literary Pasta, made with aromatic earnestness , served by an overthinking mind.

Viaggia con gli occhi Sogna con il Cuore

chi viaggia ha sempre qualcosa da dire

Little Mermaid's Writes

Movie Reviews, Travel stories, Lifestyle

Nengkoy

ruminations & travesties of the favorite yet naughty son of Nengkoy

Terreiro Roça de Obaluaê

Misérias,guerras,doenças, desempregos,não vem de Deus e nem dos Orixás. Vem do julgamento e desrespeito entre a humanidade

Visionarie ~Kindness Chronicles

"kindness is healing, writer & poet of sorts, "

Positive Acts

"Never give Up on your dream"

Unlocking The Hidden Me

Tranquil notions, melange of sterile musings & a pinch of salt

Adelina Mărieş - design

picturi, schite, desene, idei semnate Adelina Maries

Anna's Styles

Lifestyle,beauty, restaurant, food, fitness, jobs, shopping, Ideas and news, travel, photography,news,daily updates,celebrities lifestyle,latest trends.

PT Master Guide

Your Complete Medical Guide.

The Caustic Misanthrope

My2Cents • Sono Solo Miei Pensieri...

MyBooksnAll

Blogger

The passionate learner

A curious, passionate and enthusiastic learner is introduced to a new virtual world. And the awaiting journey begins...

Jazz You Too

jazz music blog

Akshay Iyer

Live Life An Extra Mile!

ആമി

-Radiate Positivity

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

Supporto - WordPress.com

WordPress.com documenti di supporto

dalichoko

しょーもない

POESÍA JAPONESA DE ELFICAROSA.

UN LUGAR DONDE ESCRIBO LO QUE SIENTE MI ALMA.

Albigensia Press

The Author Home of Marcus Johnston

niralasahitya

Never give up

The Unsigned Writer

An author of creative writing, short stories, poetry, eccentric ideas, and way too many cliff-hangers

Meteoedu

Amanece un nuevo dia

jejaka petualang

let me ride through the wide-open country that I love...

laranjitoart.wordpress.com/

Espaço para expor o que sinto, penso, faço ou nada disso.

jesussocial

Christian News, Devotional, Leadership, Church, Evangelism, Conference, Worship, Pastors , Bible, Gospel Music,Gospel,Salvation, GoodNews, Disciples, Cross,Winning, Love, Mercy,Bible Study,New Testament, Church,Matthew,Mark, Luke, John,Heart, Soul, Body,Mind,Spirit,Church History, Books, Pastorso, Evangelists. Teachers, Apostles, Healing, Leadership, Grace, Salvation, Faith,Lifestyle and Entertainment,

Rtistic

I speak my heart out.

chapter18

A blog with an Indian prespective

Atropa Belladonna Von Coup

reader , writer , poet , person .

Unique always

Motivator | Guide | Spiritual learner

Norma Rrae

author of many genres because no one likes being stationary

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: