Archivio per gennaio 2010

Musica – Charlie Chaplin – Smile


 

 

" Ogni giorno senza sorriso è un giorno perso "

Charlie Chaplin

 

Lascia un commento

Come soffrire è peste


 
Come soffrire è peste
come che un anima soffre e gli possa cambiar veste
come i cinque minuti che ti dicono di andare avanti
con il cuore leggero
il sorriso trai denti.
 
Come Gasman il mio è riso amaro
come la solitudine che riecheggia
come uno sparo dalla quale potresti guarire il cuore,
poi scopri che non c’è primario al mondo che possa farlo,
come Laura, Stefania, Carlo
in cui avrei riposto mille sogni.
 
Come direbbe Alexis
" Perchè sei muto ?
Ti sbagli, sto piangendo, ma nessuno mi ascolta "
 
 
 
 
Marco Vasselli e Alexis Ghidoni
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 
 

6 commenti

Angel whitout wings – Angelo senz’ali


 
You my friend
angel without wings,
not fluctuate
no flights
because you know
that flights are bad
when you fall down
when she cries.
 
Your serenity
my certainty
carefree smile that strength.
When you close the other hand,
are sad moments for me
and a thousand and one questions
and no answers.
 
You my friend
your listening
your discretion
moments lived with anger
and joy
facts sometimes a simple smile
a simplicity that belongs to you.
And what comes from the heart now I
is:
they happy anytime, anywhere
so you always different and always the same,
gifts that you
who’s at hand;
relative, friend, girlfriend or boyfriend,
wings that have
you did not.
 
 
 

 
Tu amica mia
un angelo senz’ali,
non fluttui
non voli
perchè ben sai
che i voli fanno male
quando si cade giù
quando si piange.
 
La tua serenità
la mia certezza
spensierato sorriso che da forza.
Quando ti chiudi invece,
sono momenti tristi anche per me
e mille e più domande
e non risposte.
 
Tu amica mia
il tuo saper ascoltare
la tua discrezione
i momenti vissuti con rabbia
e con gioia
fatti talvolta di un semplice sorriso
di una semplicità che ti appartiene.
E quello che dal cuore ora mi viene
è :
essi felice ovunque e con chiunque
tu così sempre diversa e sempre uguale,
tu che regali
a chi ti sta vicino ;
parente, amico, amica o fidanzato,
le ali che non hanno
che non hai.
 
 
Poem by Marco Vasselli to Martina C.
 
Photo and subject by Martina C.
 
 
© All rights reserved
 


 

Lascia un commento

FotoRacconto – Al di là della Luna


 
 
Al di la della Luna
c’è il gelo dell’anima,
il vuoto dell’assenza,

l’assedio della malinconia.
al di là della luna
assenza di gravità
e leggerezza di testa, di pensieri.
 
Al di là della Luna
non c’e’ oggi
non c’è ieri
soltanto c’è
un continuo andirivieni
di giorni andati via

al di la della Luna
 
 
Marco Vasselli
 
Si ringrazia Distratta per l’immagine
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

6 commenti

S’addorme


 
S’addorme
dela città er respiro
sotto a sta cappa dè smogghe e de artifici.
 
S’addorme rabbia amore e tutto er resto,
s’addorme er povero er ricco er disonesto
er marfattore, er prete e li ladroni,
s’addorme sotto nubi de mezzitoni,
dar Tevere a Torbella
dar Vaticano su pe’r Pincio e artove
stà città d’arte
la Roma dè no’antri
der Trullo, er Farinone
dall’Aurelia a Ostia
tutto se ferma
o per lo meno quello
che porta er caos
da piazza Barberini ar Tuscolano
e ancora mille posti che ho ner core.
 
Quello no, nun s’addorme
e porto sempre dentro
sò accadimenti i fatti e li momenti
de stà città fatta a misura d’omo,
e che a misura d’omo torna a esse
immezzo a st’ore de silenzi freddi.
 
E’ mò che me da forza, è più tranquilla,
senza lavori de metropolitane,
er tramme, la Togliatti ,
er Parlamento
gente che fa caciara,
 in un momento
s’azzitta
e quì ritrovo quela stada dritta
che come l’artre ar monno
ancora prima dei tempi dè mì nonno,
e ancora prima e prima,
tempo addietro
te dicheno viè quà
sei benvenuto !!
 
 
 
Marco Vasselli
 
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 

4 commenti

Notturna


 
Notturna
come che nel domani c’è il sorriso
come di pioggia intriso
ogni lacrima scivolata in viso
d’ogni qualunque uomo che ho incontrato
o donna, amico o amica o chissaccosa.
 
Notturna
è una frase che mi viaggia dentro
che porta a scrivere
come lo sto facendo
lontano dalla logica
che se non mostro non vendo.
 
Non si vende l’arte
non la mia
la condivido con un chicchessia
che le emozioni prova come le mie le stesse
e non lo faccio a fine d’interesse
non batte cassa questa penna nera
questa tastiera vaga
tra ieri e oggi
come nel limbo delle vane attese,
di strade fatte da continuare
con quelli che come me c’è la passione.
 
Ma la passione è piacere
è sofferenza la passione
è un tram tram d’emozioni
è la risata dei bar del mio quartiere
la sciapa voglia a volte di imbrattare
con quello che mi passa dentro al cuore.
 
Notturna e calma,
dove la mente spegne l’odio e amore
solo emozione pura
senza rumore o paura
senza artifici
solo animo
solo scritto
solo in me stesso che ti porta altrove.
 
Dove non so,
se lo sapessi forse,
non resterei a scrivere di borse
dove ho riposto sogni, e risa,
speranze e essenze
di me di voi
di fragili esistenze
che ad ogni modo porto sempre in me.
 
Marco vasselli
© Tutti i diritti sono riservati
 

2 commenti

Magdalena dei Tool ( ma quì non è un circolo perfetto )


 
… è notte …
musica
click
e parte
"  One chance
One kiss
One taste of you my Magdalena …  "
mentre a me
basterebbe
il sorriso e una stretta di mano
dell’amica che non torna
che amava cantare questa 
sarebbe un ridere di occhi
a pianger divertiti
 
stavolta
 
fino all’alba
sarebbe l’alba !!
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati

Lascia un commento

Nun ce lo sò sapè


 
Nun ce lo sò sapè
come sarà domani
ma sò come era ieri e che me manca,
e allora come la barca che ner mare aranca
me fermerò miranno arcobbaleni
dove li sogni se sò smariti appresso
a quer che ero
che nu rivedo più.
 
Nun ce lo sò sapè quanno che er monno
s’accorgerà ‘n mezzo a stò gran passanno,
che c’è ‘n ometto coll’occhiali storti
che ancora crede a favole e poesie
dell’amicizie, der " se volemo bene ".
 
Sà quante vorte
nun avrei mai rivive certe scene
che fanno male come lame de cortello
su quele schiene
che erano tua e mia.
 
E adesso sen’annamo
chi pè la strada sua,
io pè la mia
lungo le strde che andranno chissadove.
 
Cammineremo ed inciampicheremo,
se riarzamo ed ogni vorta semo
sempre li stessi
nà cicatrice ‘n più ma che ce frega
a lungo annà se semo abbituati.
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 

2 commenti

After the ugly time – Dopo il momento brutto


 

After the ugly time
always is currently good
you feel is then
who you well really want
and with a smile on the lips
you will restart for other destinations still
our  past are bring inside
Remember you want still well


 

marty past present

 

 

Dopo il momento brutto

viene sempre il momento bello

è allora che ti accorgi

di chi ti vuole bene veramente

e con un sorriso sulle labbra

ripartirai per altre mete ancora

il passato ce lo portiamo dentro

ricordati che ti voglio ancora bene

 

 

Poesia di Martina C.

Foto e soggetto di Martina C.

dedicata Marco Vasselli

Editing e traduzione Marco Vasselli

 

© Tutti i diritti sono riservati

 

2 commenti

Il Diario – Rewind 4 – Quadraro


 
 
 
 
 
.

Lascia un commento

Da una terrazza di mare


 

 

Da una terrazza di mare rivedo te

i tuoi fiori coloriti

come i quadri con quella vita che ci disegni.

 

Te che non corri il tempo

che come me hai capito che esso corre

ma non per questo tutti dobbiamo andarci appresso

a ritmo di formicai

di file indiane.

 

Te che il dolore sai

ma l’hai sanato

pezzo per pezzo

pazientemente

ricucendo le ferite del cuore

ma non celandole

ne facendone un vanto.

 

Da una terrazza di mare rivedo te

lo sguado triste dietro gli occhialoni scuri

oppure con la risata dei ragazzini

come sei te

volo di quei gabbiani

che in una notte d’Estate si fermò

sopra le pagine di questo libro

e che ci torna

dopo burrasche e mare

distrattamente

ma sempre con in mente

che il viaggio avanza

tra un caffè e una cicchina

tra una risata,

nel fianco qualche spina

che quando ci sarà la toglierò

come per me fai tu

e rideremo ancora

sulla terrazza di mare che sorride

 

Marco Vasselli

per Ðιکtratta _

Il dipinto " Notte distratta " è una sua creazione

© Tutti i diritti sono riservati

10 commenti

Dalla Regina di cuori – Per Marco V. – Romeo er mejo gatto der colosseo


3 commenti

Talvolta


 
Talvolta credo
che tre anni spesi bene
sian meglio di tre minuti di aria fritta.
 
Talvolta
penso al passato con nostalgia
con rabbia forse
ma infondo penso che va bene uguale.
 
Sorrido vivo,scrivo
e sogno e mangio e dormo e faccio il resto.
 
Talvota credo
che chi c’e’ adesso
alcuni per lo meno
non han nemmeno l’unghia del dito mignolo
di chi c’era quì prima.
 
Forse perchè come si dice a volte
le cose vecchie sono le migliori,
ma mi va bene così
va bene uguale.
 
Puoi vedermi sorridere
o vivere e scrivere
o piangere sulla bolletta da pagare,
ma che ne sa la gente
gente a cui dai un grammo di confidenza
e ti ritrovi con un chilo di paranoie.
 
E prima il riso veniva dal cuore
adesso
che la vita ha indurito il mio
diffido da chi ti dice dopo un’ora
ti voglio bene e t’amo
che dice di conoscerti
ma infondo
gli ho fatto solo quello da consolare
da consigliare
il ripiego dei pomeriggi.
 
Io sono un uomo
so quello che valgo
carattere spigoloso e motivato
che tempo fa imparai
che ci sta sempre
una ragione per ogni cosa.
 
Talvolta
quando finisce sera e viene notte
rimango sveglio
al lume del mio cuore
che ancora batte per un tutto e un niente
e scivola
come inchiostro di penna nera
su tutta l’ignoranza della gente
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

Lascia un commento

Le cose


 
LE COSE CAMBIANO
LE COSE RESTANO,
LE COSE SI AMANO
O SI DETESTANO.
 
LE COSE SPECIALI
LE VEDI COL CUORE
E SAI RICONOSCERLE
SEGUENDO L’ODORE
 
LE COSE SIMPATICHE
TI RESTANO DENTRO,
LE COSE PIU’ BRUTTE
LE GETTI NEL VENTO.
 
LE COSE DI COSA ?
LE COSE DI CHI ?
LE COSE,LE COSE
CHE SONO COSI’….
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

3 commenti

Libero sfogo


 
Questo intervento, neppure troppo impegnativo per me, nasce dall’esigenza non tanto mia, ma di un certo tipo di lettori di scrivere cose fuoriluogo nei commenti, così qualora avessero voglia di farlo potranno sempre mettere questa pagina nei preferiti e scriverne quì. Lasciando alla poesia fare il ruolo della poesia, alla musica della musica ed alla fotografia quello della fotografia. Prendete nota allora, fatelo se mi volete bene perchè sono stufo di alterarmi per questo.
 
Cordiali saluti
 
 
 
Marco Vasselli

Lascia un commento

Friends – Amici


 
Awaiting a moment
 
A moment of clarity
 
Arms wrapped around
 
Around me, holding me.
 
 
Craving this something
 
something real and tangible
 
Wait, wait, waiting for you
 
 
A look, a kiss, a touch..
 
Even if we just end up as friends.
 
 
 
 
 
In attesa di un momento

Un momento di chiarezza

Braccia intorno

Intorno a me, mi conquistano

agognando questo qualcosa

qualcosa di reale e tangibile

Aspetta, aspetta, aspetta

Uno sguardo, un bacio, un tocco ..

fin quando torneremo ad  essere amici.

 
 
 
 
 
Poem wrote by Crystal Redmon
 
Italian translation by Marco Vasselli
 
© All rights reserved
 
 

Lascia un commento

Il Diario – Rewind 3 – Soffro pè sport


 
 
 
 
 
.

2 commenti

Un’angelo senz’ali


 
Tu amica mia
un angelo senz’ali,
non fluttui
non voli
perchè ben sai
che i voli fanno male
quando si cade giù
quando si piange.
 
La tua serenità
la mia certezza
spensierato sorriso che da forza.
Quando ti chiudi invece,
sono momenti tristi anche per me
e mille e più domande
e non risposte.
 
Tu amica mia
il tuo saper ascoltare
la tua discrezione
i momenti vissuti con rabbia
e con gioia
fatti talvolta di un semplice sorriso
di una semplicità che ti appartiene.
E quello che dal cuore ora mi viene
è :
essi felice ovunque e con chiunque
tu così sempre diversa e sempre uguale,
tu che regali
a chi ti sta vicino ;
parente, amico, amica o fidanzato,
le ali che non hanno
che non hai.
 
 
 
 
Marco Vasselli a Martina C.  la mia fan n.1
 
 
 
 
 Natura morta -Disegno di Martina.gif
 
 
 
Il disegno " L’anfora "
 
è opera di Martina C.
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 
 
 

4 commenti

Fotoracconto – Il punto di ripristino


 
 
 
… peccato che la vita
non sia come il Windows
quì non si torna indietro
porre rimedio agli errori non si può,
quì non è previsto
alcun punto di ripristino …
 
 
 
 
Foto e poesia di
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 

3 commenti

Pensa


 
pensa a quel posto dove vorresti volare..
pensa a ciò che più ami..
pensa alla felicità della vita..
pensa a quel posto dove tu puoi essere tu,senza mentire a te stesso..
pensa di poter parlare con una stella..
pensa a come sarebbe bello..

avere quel posto qui a portata di mano..
..ma quel posto non c’è..
vive solo nel tuo cuore..
e li giace aspettando il tuo arrivo..
che forse non è poi così lontano..
pensa!
 
 
________________________
 
 
 
Poesia scritta da Chiara G.
 
© Tutti i diritti sono riservati

 

 

Lascia un commento

Un posto così


 

PENSA AD UN POSTO

LONTANO DA QUI’

DOVE LA GUERRA

LA POVERA FAME

SIANO RICORDI,

SOLTANTO RICORDI.

 

CREDI CHE ESISTA

UN POSTO COSI’?…

DOVE OGNI UOMO

SIA DEGNO DI VITA

OGNI ANIMALE

PUO’ ESSER FELICE

E LA NATURA SIA INTATTA E PULITA?

 

PENSA AL TUO MONDO

CON ALBERI GRANDI

FRESCHI RUSCELLI

CHE SCORRONO PIANO

ED I RAGAZZI

GIOCANDO CON POCO

RIESCANO A PRENDERE

LA VITA PER MANO.

 

VEDI DI UN POSTO

UN POSTO MIGLIORE

NON TANTO LONTANO

NON TANTO VICINO

SOLTANTO IN UN POSTO:

VICINO AL TUO CUORE.


 

MARCO VASSELLI


© Tutti i diritti sono riservati

10 commenti

Musica – Claudio Baglioni – Cuore di aliante


 

io l’ombra che andò via
costeggiando il muro o restando lì
l’uomo che cercò la sua profezia
dritto nel futuro e poi si smarrì
suono di tam tam e io ci ballo su
da tutta una vita fulminea
come un viaggio in tram che ti siedi giù
e è il capolinea
io l’onda che si alzò
su dal mare scuro dell’umanità
l’urlo che si udì quando rimbalzò
forte sul tamburo della libertà
sogno di colei che è la mia follia
e mai questa ferita rimargina
e che dai libri miei ha strappato via
l’ultima pagina
sono acqua di foce ed è una croce
non sapere mai se la mia voce
è fiume o oceano e non c’è no fiume
che due volte sia capace
di bagnarmi e darmi pace
perché il tempo se ne va e tutto tace
io resto qua nell’irrealtà
dell’immenso velo del mio cielo a metà
sarà una nuova età o solo un’altra età
il volo di un eterno istante
nel mio cuore di aliante
io l’indio che partì
nel cammino duro di cercare sé
l’arco che lanciò una freccia qui
dentro un cuore puro luogo che non c’è
sonno di amnesie che non dormo più
ma non ho finito di esistere
con queste energie cresco la virtù
di resistere
sono acqua di fonte che al suo monte
non può ritornare e il mio orizzonte
è solo vivere e vivere da solo
come un sasso di un torrente
che non ferma la corrente
perché il tempo se ne va e lascia niente
io resto qua nell’irrealtà
dell’immenso raggio del mio viaggio a metà
sarà una nuova età o solo un’altra età
il volo di un eterno istante
nel mio cuore di aliante
a combattere il tempo come si fa
si può battere solo
a tempo di musica
non ti abbattere al tempo che se ne va
lo puoi battere ancora
a tempo di musica sul tempo che va
a tempo di musica nel tempo che va
io resto qua nell’irrealtà
dell’immenso fondo del mio mondo a metà
sarà una nuova età o solo un’altra età
il volo di un eterno istante
nel mio cuore di aliante
io a combattere il tempo
l’ombra che andò via
costeggiando il muro o restando lì
l’uomo che cercò la sua profezia
dritto nel futuro e poi si smarrì
a tempo di musica

 

Lascia un commento

Musica – Francesco De Gregori- Cardiologia


 

Che si gioca per vincere e non si gioca per partecipare
Chi è ferito e non cade, ma continua ad andare
A sbattersi nel buio e a farsi vedere
A sanguinare di nascosto e a pagare da bere
A goccia a goccia, ma tu guarda, il mio cuore mangiato
L’amore ha sempre fame, non l’avevi notato
E dice sempre con disinvoltura
Senza paura dice: “mai”, senza paura mai.

Che si veste di bianco per scandalizzare
E compra rose a dozzine
E fa curvare i pianeti e fa piegare le schiene
Che si gioca per vincere e chi vince è perduto
Con una chiave ed un numero in mano
Tutta la notte aspettare un saluto
E a pensare: “ti amo”

Chi raccoglie conchiglie dopo la mareggiata
E il cielo è ancora scuro, ma la notte è passata
E macina la sabbia dentro i mulini a vento
E che non ha mai fretta e che non ha mai tempo
E poi l’amore indecente, che si lascia guardare
L’amore prepotente che si deve fare
E gli amori ormai passati e ancora vivi nella mente
Chè dell’amore non si butta niente


 

Lascia un commento

Il Diario – Aiutiamo Medici senza frontiere ad Haiti


 
MEDICI SENZA FRONTIERE SOS TERREMOTO HAITI
A una settimana dal terremoto che ha devastato l’isola, le équipes di Medici Senza Frontiere a Port-au-Prince sono ancora sotto grande pressione, continuano a fornire cure d’emergenza al maggior numero di persone possibile e a cercare altre strutture che possano essere utilizzate come sale operatorie.

Ecco un breve resoconto di quello che MSF ha potuto fare nei primi 6 giorni dal terremoto grazie alla generosità di migliaia di persone.

 abbiamo curato oltre 3.000 feriti ed effettuato oltre 400 interventi chirurgici
 siamo presenti con oltre 650 operatori umanitari
 abbiamo inviato 135 tonnellate di materiale medico e generi di primo soccorso
 al più presto sarà operativo un ospedale gonfiabile con 2 sale operatorie e 100 posti letto.
Il nostro personale medico afferma di non avere mai visto un numero così elevato di ferite gravi. Dobbiamo continuare a lavorare, ad inviare personale medico specializzato, fornire cibo, acqua potabile, materiale igienico-sanitario e rifugi da campo.

Per tutto questo abbiamo bisogno del Suo aiuto. Dona ora al ‘Fondo Emergenze’ di Medici Senza Frontiere.

Grazie per il suo sostegno concreto.

Valentina Rosa
Direttore Raccolta Fondi
Medici Senza Frontiere

DONA ORA
OGNI DONAZIONE SI TRASFORMA IN UN AIUTO CONCRETO:
30 euro per materiale di medicazione di base sufficiente per trattare circa 20 persone
60 euro per un kit trasfusione
140 euro per farmaci e strumenti medici di primo soccorso per circa 500 vittime di disastri naturali

PER SAPERNE DI PIU' SULL'EMERGENZA

Lascia un commento

Mio fratello più grande


 
"  Ma dimmi, come mai secondo te in televisione
non si sente più parlare dei terremotati d’Abruzzo ? "
 
" Beh, perchè a noi ci piace sapere
 cosa accadrà nella casa del Grande Fratello !! "
 
" Beh, per quanto mi riguarda,
preferisco andare
di tanto in tanto
a casa di mio fratello più grande … "
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

2 commenti

Vendono i loro cuori


 

VENDONO I LORO CORPI

NEI PRATI,PER LE STRADE

MENTRE LA NEVE DENSA

LENTAMENTE CADE

E UN MANTO DELICATO

I LORO CUORI SPEZZA

CHE SE CI PENSI BENE

TI FANNO TENEREZZA.

PELLICCIA E CALZE A RETE

E CONSUMATO AMORE

QUESTO DA LA VITA

INSIEME COL SUDORE.

ED ECCO GIA’LA SERA

CON MILLE E PIU’COLORI

MENTRE DOMANI FUORI

UN ALTRO GIORNO NASCE

E LORO SEMPRE LA’

LE PICCOLE BAGASCE.

LE LACRIME SUGLI OCCHI

LE BOCCHE BEN TRUCCATE

OGGI FA TANTO FREDDO

E LORO AFFATICATE.

DOMANI E’ GIA’ NATALE

E’ QUASI IL NUOVO ANNO

E LORO SEMPRE SOLE

DA SOLE SE NE VANNO.


 

 

 

Marco Vasselli


© Tutti i diritti sono riservati

4 commenti

Musica – Fabrizio De Andrè – Via del campo


 

Via del Campo c’è una graziosa
gli occhi grandi color di foglia
tutta notte sta sulla soglia
vende a tutti la stessa rosa.

Via del Campo c’è una bambina
con le labbra color rugiada
gli occhi grigi come la strada
nascon fiori dove cammina.

Via del Campo c’è una puttana
gli occhi grandi color di foglia
se di amarla ti vien la voglia
basta prenderla per la mano

e ti sembra di andar lontano
lei ti guarda con un sorriso
non credevi che il paradiso
fosse solo lì al primo piano.

Via del Campo ci va un illuso
a pregarla di maritare
a vederla salir le scale
fino a quando il balcone ha chiuso.

Ama e ridi se amor risponde
piangi forte se non ti sente
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior.

Lascia un commento

Musica – Francesco Guccini – Le ragazze della notte


 

Che cosa cercano le ragazze della notte, trucco e toilettes che si spampanano piano
come il ghiaccio va in acqua dentro al tumbler squagliandosi col caldo della mano,
e frugano con gli occhi per vedere un viso o un’ ombra nell’ oscurità
o per trovare qualcuno a cui ripetere le frasi solite di quell’ umanità…

Ma chi aspettano le ragazze della notte in quei bar zuppi di alcolici e fiati,
di uomini vocianti che strascinano pacchi di soldi forse male guadagnati,
le vedi appendersi adoranti e innaturali a quei califfi cui io non darei una lira;
chissà se sognano vite più normali mentre la notte gira gira gira…

E si mettono a cantare un po’ stonate quando qualcuno va a picchiare un piano,
canzoni vecchie, storie disperate, gli amori in rima di un tempo già lontano
e si immedesimano in quelle parole scritte per altre tanto tempo fa,
"Bella senz’ anima", "Quando tramonta il sole",
"Suona un’ armonica", "Ne me quitte pas", "Ne me quitte pas"…

Che cosa dicono le ragazze della notte a quei baristi ruffiani e discreti
che si chinano preteschi sul bancone per confessare chissà quali segreti
e poi guardano in controluce a un bicchiere e agili danzano versando un liquore;
quanto da dire e quanto c’è da bere mentre la notte macina le ore…

Oh, come amo le ragazze della notte così simili a me, cosi diverse,
noi passeggeri di treni paralleli, piccoli eroi delle occasioni perse,
anche se so che non ci incontreremo, ma solamente ci guardiamo passare,
anche se so che mai noi ci ameremo con il rimpianto di non poterci amare…

Finchè anche dai vetri affumicati spinge la luce ed entra all’ improvviso
e autobus gonfi di sonni arretrati passano ottusi nel mattino intriso
di edicole che espongono i giornali pieni di fatti che sappiamo già,
di cappucci e brioche e dei normali rumori che ha al mattino una città…

Ma dove vanno le ragazze della notte che all’ alba fuggono complice un taxì,
stanche di tanto, piene del rimorso d’ avere forse detto troppi sì,
ma lo scacciano presto ed entra in loro solo un filo di spossatezza leggera,
che le accompagnerà lungo il lavoro, che condurrà diritto fino a sera…

Ma chi sono le ragazze della notte…

 

Lascia un commento

Il Diario – Unicef per Haiti, diamo una mano


 

 

UNICEF ITALIA

TERREMOTO AD HAITI, AIUTA ADESSO!

Circa 2 milioni sono i bambini a rischio di sopravvivenza.
Bambini disperati. Feriti nel corpo e nell’anima. Separati dalle loro famiglie. Orfani.

In questo momento i colleghi dell’UNICEF sul campo hanno già messo in sicurezza più di 30.000 bambini e stanno lottando con il disperato bisogno di acqua della popolazione.

Obiettivo: fornire 8 milioni di litri di acqua potabile al giorno.

Per tutto questo, abbiamo bisogno di te e della tua azienda perché potete fare davvero molto:

  1. effettuare una donazione online o con bonifico bancario [cc bancario Banca Popolare Etica IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051] specificando la causale "Emergenza Haiti". Ricorda che le donazioni godono di benefici fiscali.
  2. pubblicare un nostro banner sulla homepage del sito, del blog o della Intranet della tua azienda
  3. scaricare la locandina da affiggere nelle vostre bacheche o inviare per email ai vostri dipendenti
  4. raddoppiare in parte o in tutto le donazioni dei vostri dipendenti.
    Questo meccanismo permette di ottenere dei risultati congiunti straordinari
  5. inviare un’email a comarketing@unicef.it proponendo eventuali iniziative alternative.

La mappa degli interventi Haiti

Ps: Al momento NON è possibile accettare donazioni in natura di alcun tipo.

Grazie per l’aiuto che potrete darci.

Annita Di Donato
RESPONSABILE CORPORATE UNICEF

dona ora!

Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus

Lascia un commento

Musica – A Perfect Circle – Magdalena


 

 

Sopraffatto dal tuo tempio movente
sopraffatto da quest’altissimo altare

Così pura così rara da rappresentare
una dea terrena
tanto che ho perso il mio autocontrollo dopo avermi imposto
di lanciare questo dollaro davanti al più sacro dei tuoi altari

Venderò la mia anima, la mia autostima, un dollaro alla volta
per una possibilità, un bacio, un assaggio di te
mia Maddalena

Ho trascinato testimonianza in questo luogo, questa preghiera a lungo dimenticata così pura, così rara per rappresentare
una dea terrena
a cui ho venduto la mia anima, la mia autostima un dollaro una volta
per una possibiltà, un bacio
un assaggio della mia Madonna Nera

Vederei la mia anima, la mia autostima un dollaro alla volta
un assaggio un assaggio un assaggio di te la mia
Maddalena

Lascia un commento

Wetsuit – Muta


 
Are you become wetsuit?
You wrong… shout am.. but no one hears..
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sei diventata muta?
Ti sbagli.. sto urlando .. ma nessuno sente..
 
 
 
 
 
Text : Alexis Ghidoni
 
English translation : Marco Vasselli
 
 
© All rights reserved
 
 

Lascia un commento

Musica – Rino Gaetano – Mio fratello è figlio unico


 

 

Mio fratello è figlio unico
perche’ non ha mai trovato il coraggio di operarsi al fegato
e non ha mai pagato per fare l’amore
e non ha mai vinto un premio aziendale
e non ha mai viaggiato in seconda classe
sul rapido Taranto-Ancona
e non ha mai criticato un film senza prima prima vederlo
mio fratello e’ figlio unico
perche’ e’ convinto che Chinaglia non puo’ passare al Frosinone
perche’ e convinto che nell’amaro benedettino
non sta’ il segreto della felicita’
perche’ e’ convinto che anche chi non legge Freud
puo’ vivere cent’anni
perche’ e’ convinto che esistono ancora
gli sfruttati malpagati e frustrati
mio fratello e’ figlio unico sfruttato
represso calpestato odiato e ti amo Mariù
mio fratello e’ figlio unico deriso
frustrato picchiato derubato e ti amo Mariù
mio fratello e’ figlio unico dimagrito
declassato sottomesso disgregato e ti amo Mariù
mio fratello e’ figlio unico frustato
frustrato derubato sottomesso e ti amo Mariù
mio fratello e’ figlio unico deriso
declassato frustrato dimagrito e ti amo Mariù
mio fratello e’ figlio unico malpagato
derubato deriso disgregato e ti amo Mariù

 

Rino Gaetano

Lascia un commento

Il Diario – Aiutiamo Medici senza frontiere ad Haiti


MEDICI SENZA FRONTIERE SOS TERREMOTO HAITI
A una settimana dal terremoto che ha devastato l’isola, le équipes di Medici Senza Frontiere a Port-au-Prince sono ancora sotto grande pressione, continuano a fornire cure d’emergenza al maggior numero di persone possibile e a cercare altre strutture che possano essere utilizzate come sale operatorie.

Ecco un breve resoconto di quello che MSF ha potuto fare nei primi 6 giorni dal terremoto grazie alla generosità di migliaia di persone.

 abbiamo curato oltre 3.000 feriti ed effettuato oltre 400 interventi chirurgici
 siamo presenti con oltre 650 operatori umanitari
 abbiamo inviato 135 tonnellate di materiale medico e generi di primo soccorso
 al più presto sarà operativo un ospedale gonfiabile con 2 sale operatorie e 100 posti letto.
Il nostro personale medico afferma di non avere mai visto un numero così elevato di ferite gravi. Dobbiamo continuare a lavorare, ad inviare personale medico specializzato, fornire cibo, acqua potabile, materiale igienico-sanitario e rifugi da campo.

Per tutto questo abbiamo bisogno del Suo aiuto. Dona ora al ‘Fondo Emergenze’ di Medici Senza Frontiere.

Grazie per il suo sostegno concreto.

Valentina Rosa
Direttore Raccolta Fondi
Medici Senza Frontiere

DONA ORA
OGNI DONAZIONE SI TRASFORMA IN UN AIUTO CONCRETO:
30 euro per materiale di medicazione di base sufficiente per trattare circa 20 persone
60 euro per un kit trasfusione
140 euro per farmaci e strumenti medici di primo soccorso per circa 500 vittime di disastri naturali

PER SAPERNE DI PIU' SULL'EMERGENZA

.

Lascia un commento

Tu mi hai portato, mi porterai lontano …


 

Tu  mi hai portato lontano

per stare vicino alle persone

aprendo i cuori come pagine di libri

talvolta letti e finiti

talvolta chiusi a metà,

talvolta rimasti

con un segnalibro in mezzo

perchè credo continuerà.

 

Tu mi hai portato le risa

fatto stringere mani

ed incontrare occhi

che anche volendo mai dimenticherò.

Talvolta credo non si possa resistere a questo silenzio per sempre,

talvolta invece no,

e allora ecco che

dal dorato e purpureo regno della notte

scaturisce il folletto che è in me.

Esso sogna di colline pulit dove corremmo assieme,

di nuove rotte da tracciare per mille imbarchi nuovi,

esso dice

che se c’è stato un bacio sulla fronte,

se ho dato vita ai colori d’un fiore,

come la cosa che piu’ lo distingue dagli altri,

so che

al dilà degli anni andati,

in quel momento quel bacio o quel fiore

a qualcosa sono serviti.

 

Talvolta invece

il folletto che è in me

scrive di indignazione e intolleranza

che vedo nel mio piccolo orticello

come su larga scala

cambiano i posti, le situazioni,

ma l’arroganza delle persone,

dal re al bottegaio,

dal magnate al magnone

sono le stesse.

Allora mi chiedo

quale lo spazio sia per la poesia,

che senso abbia

in questo mondo mordi e fuggi

parlar d’eteree sensazioni

di tramonti,

del paese che ricordo lontano

vicino a me nel cuore, il cuor dell’Umbria.

Che senso ha vedere Roma mia

come madre che abbraccia tutti

quando i suoi figli la ignorano, la inzozzano

ne fanno due bandiere contrapposte

per accoltellarsi allo stadio.

Ma io che sogno

oso mettervi un pizzico di speranza

come che tu prepari una ricetta

e sai che manca il sale e che ci va.

Il sale è la poesia

e che io la scriva in inglese

spagnolo tradotto male

romano o siciliano

poco mi importa

se porterò il messaggio

ovunque vada

dal Quarticciolo a Londra,

dai giorni della mia amata Tor Sapienza

Reykjavik  e poi a Praga o Tokyo.

 

Di certo so

che è ancora vero questo,

che i giorni sono

come perline da infilare assiemem

come collana che ti porti luce

ma non di oro

o di prezioso alcuno

io ti ridò quello che tu m’hai dato

pace nel cuore che ancora va lontano …

 

 

Marco Vasselli

all’arte della poesia, quello che meglio mi esprime

da un’idea di Black Mirror

© Tutti i diritti sono riservati

 

 

La poesia porta lontano

 

 

Il simbolo del blog " La poesia porta lonatno "

è una creazione di Alexis Ghidoni

© Tutti i diritti sono riservati

 

 

2 commenti

I cerini


 
Prima,
non molto tempo fa
brancolavo nel buio,
poi
ho incontrato te
ma dimmi
hai portato i cerini ?
,,,
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

4 commenti

I racchettoni


 
Giocano a racchettoni
due olive sole, nella testa di certa gente
che ti vuole spiegar la vita
ma della vita non ha capito
un cazzo !!
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati

4 commenti

Una canzone mi parla di te


 
Il silenzio incombe
 parte una canzone
che mi parla di te
ma io non rispondo
 
e mica sò matto,
e che me metto a parlà cor Mediaplayer ?
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

5 commenti

Musica – Afterhours – Male di miele


 

la sicurezza ha un ventre tenero
ma è un demonio steso fra di noi
ti manca e quindi puoi non crederlo
ma io non mi sentivo libero

e non è dolce essere unici
ma se hai un proiettile ti libero
gli errori veri son più forti poi
quando fan finta di esser morti lo sai

copriti bene se ti senti fredda
hai la pressione bassa nell’anima
com’è strano il sapore
che riesco a sentire
male di miele
male di miele
male di miele
male di miele

e la grandezza della mia morale
è proporzionale al mio successo
così ho rifatto il letto al meglio sai
che sembra non ci abbiam dormito mai

copriti bene se ti senti fredda
hai la pressione bassa nell’anima
com’è strano il sapore
che riesco a sentire
male di miele
male di miele
male di miele
male di miele

ti do le stesse possibilità
di neve al centro dell’inferno, ti va?
male di miele
male di miele
male di miele
male di miele

 

 

…no, niente, ricordavo una persona…

 

Lascia un commento

… and arround only the empty …


 

 

 

,,, And arround only the empty

and nothing of more arround,

whitout a smile,

whithout a sound…

 

" Hey my lill dancer,

do you know why ? "

" No really i don’t know why,

but early

i will dance again

and under the sun or the rain,

you will take again your book

and we will say

about new times and  millions of colours "

 

 

Marco Vasselli

to Kharon Gillian Rossi

© All rights reserved

 

 

2 commenti

So far … so near


 

I called you " Orange ", many years ago
couse i don’t know your linguage,
I call you a few, a lot, sometime

is not important this
and is not important where is
that thing that we call friendship,
but in our souls
in our smiles
in your hearts
we can search about it
and whit our smiles go on in this travel.

Tank you for the map
and every time i will lose the street
i Have an orange, that can learn it again !

 
Marco Vasselli
 
To Som " Shogun " Orange
 
© All rights reserved
 
 
 

Lascia un commento

Il Diario – Rewind 2 – The Pixie & the Gnome


 

 

The pixie & the gnome

 

 

 

 

Lascia un commento

A beddu cori


 

 

Guarda quella rondinella
ha ancora voglia di Primavera,
essa ritorna quì di tanto in tanto,
essa ha patito il freddo
per giungere a raccontarmi le sue storie.
 
Essa mi è stata accanto
assieme a pochi altri
nella gioia
nel pianto
come a rendere vero il cuore che ha sempre avuto.
 
Ed è così Daniela,
semplice, genuina
come il pane delle sue parti
o la cassata fresca
" a beddu cori "
scrivo di te mia amica
mentre va la lo sguardo
a quel futuro
che è il prossimo traguardo
esulterò con te
d’un’altra meta ancora !!

 

Marco Vasselli

a Daniela Dada Greco nei giorni della sua laurea

© Tutti i diritti sono riservati

 

 

Lascia un commento

Pick a flower on your heart


 
 
 
A flower for your smile,
like that in your garden
Aed, take it whit you and pick it on the dress
on the part of the heart.

It’s my smile for you,
for my far far friend
that from two years and more
smile with me every time
and that ever undestand.

 
 
Marco Vasselli
 
to AedJung
 
© All rights reserved

 

 

2 commenti

Il Diario – Unicef per Haiti, aiutiamoli !!


UNICEF ITALIA

TERREMOTO AD HAITI, AIUTA ADESSO!

Circa 2 milioni sono i bambini a rischio di sopravvivenza.
Bambini disperati. Feriti nel corpo e nell’anima. Separati dalle loro famiglie. Orfani.

In questo momento i colleghi dell’UNICEF sul campo hanno già messo in sicurezza più di 30.000 bambini e stanno lottando con il disperato bisogno di acqua della popolazione.

Obiettivo: fornire 8 milioni di litri di acqua potabile al giorno.

Per tutto questo, abbiamo bisogno di te e della tua azienda perché potete fare davvero molto:

  1. effettuare una donazione online o con bonifico bancario [cc bancario Banca Popolare Etica IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051] specificando la causale "Emergenza Haiti". Ricorda che le donazioni godono di benefici fiscali.
  2. pubblicare un nostro banner sulla homepage del sito, del blog o della Intranet della tua azienda
  3. scaricare la locandina da affiggere nelle vostre bacheche o inviare per email ai vostri dipendenti
  4. raddoppiare in parte o in tutto le donazioni dei vostri dipendenti.
    Questo meccanismo permette di ottenere dei risultati congiunti straordinari
  5. inviare un’email a comarketing@unicef.it proponendo eventuali iniziative alternative.

La mappa degli interventi Haiti

Ps: Al momento NON è possibile accettare donazioni in natura di alcun tipo.

Grazie per l’aiuto che potrete darci.

Annita Di Donato
RESPONSABILE CORPORATE UNICEF

dona ora!

Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus
Via Palestro, 68 – 00185 Roma – Numero Verde 800-745.000
Codice Fiscale 015 619 205 86 – http://www.unicef.it

Lascia un commento

The wall – Il muro


 

We all huddled under a high wall
walls are feeble
 and there are those who try to bypass
most awkward trying to break even
toil, rush, sweat
and remain here.
one door, close, is standing alone
I approach slowly, push
and laugh.
I want to walk away.

 

 

_____________________________________________________________________________

 

 

Siamo tutti accalcati sotto un alto muro
le pareti sono fragili
 e c’è chi tenta di scavalcare
i più maldestri provano perfino a sfondare
si affaticano,affannnano,sudano
e restano qui.
una sola porta,stretta,è in piedi da sola
mi avvicino senza fretta,spingo
e rido.
Io voglio camminare lontano.

 

Poem wrote by

Valeria Mavillo

English translation by

Marco Vasselli

©  All righs reserved

 

1 Commento

If the dark …


 
If the dark will be in your soul,
 If your smile will turn off,
 also for a bit you, Stasha
little star will come to me and say that,
 and i will be there in few saeconds
like a kiss from the wind.
couse you are my friend from the day start until day go to the end.
 
 
 
 
 
 
Marco Vasselli
to
 
Shasta R.
 
© All righrs reserved
 
 

Lascia un commento

Di tutte quelle volte


 
Di tutte qurlle volte
che ridemmo e piangemmo assieme,
costruendo quell’amicizia
gettata al vento come quel seme,
che è divenuto pianta
poi fiore e frutto
e amore
di quello universale
quello vero.
 
Di tutte quelle volte
che sapemmo scavalcare i mille muri
sull’idiozia
sopra l’intolleranza della gente,
fanne un fagotto,
portalo assieme a te
e così io.
 
Di tutte quelle volte
che mi sei stata spalla nel pianto
riparo nella solitudine
e il mondo dentro
e tutto il mondo fuori,
io forse ricorderò ben pochi istanti,
ma quei consigli tuoi
sempre presenti
come cassetta del prontosoccorso per curar mali
che mi insegnasti ad affrontar ridendo,
sdrammatizzando,
come sapemmo fare.
 
Metti il tuo cuore in gioco
ed io lo stesso,
ed anche se
la pianta che lasciammo in quel giardino,
che è l’amicizia che non si smarrisce,
non la vedremo quotidianamente
essa sarà che cresce,
lì nel cuore
con fiori di un zilione di colori.
 
Lì ci ritroveremo non sò quando
ma ò che così sarà, cel’ho di dentro
lo sento forse,
come lo senti te
questo legame detto spazio e tempo
che ci separerà e farà tornare
in quel giardino a rincontrarci altrove.
 
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
Agli amici del presente e del passato, ai momenticondivisi di cui spero qualcosa rianga, così è almeno per me
 
Ringrazio Kharon Gillian Rossi per il verso " un fiore di unn zilione di colori "
 
 
 
 

2 commenti

Flamenco


 
 
Rider di occhi
ebrezza dei miei sensi
nella calura d’una sera di sangria.
 
Batter di tacchi e il cuore
sobbalza come tavole d’un palco
 
e tu colomba
tenue, delicata
ed io quel falco
seppi spiccare il volo e un via di sguardi.
 
Che sento correr la passione dentro
quella fatta di labbra
e di quel manto rosso che tu sei
e la movenza è essenza,
l’ispanica sapienza del sedurre.
 
Cuore fatto di nube
leggero come lieve il tuo sapore
e a ritmo di chitarre
gitane e pazze
a ritmo di perdute sensazioni
in te le trovo
e dentro te mi perdo.
 
 
 
Poesia scritta da Marco Vasselli
 
Dipinto di Elisabetta Ligaboi
 
© Tutti i diritti sono riservati 
 
 
 
 

6 commenti

Musica – Caparezza – Vengo dalla luna


 

Io vengo dalla Luna che il cielo vi attraversa, e trovo inopportuna la paura per una cultura diversa. Chi su di me riversa la sua follia perversa arriva al punto che quando mi vede sterza. Vuole mettermi sotto sto signorotto che si fa vanto del santo attaccato sul cruscotto, non ha capito che sono disposto a stare sotto, solamente quando fotto. "Torna al tuo paese, sei diverso!" – Impossibile, vengo dall’universo, la rotta ho perso, che vuoi che ti dica, tu sei nato qui perchè qui ti ha partorito una fica. In che saresti migliore? Fammi il favore, compare, qui non c’è affare che tu possa meritare. Sei confinato, ma nel tuo stato mentale, io sono lunatico e pratico dove cazzo mi pare. Io non sono nero, io non sono bianco, io non sono attivo, io non sono stanco, io non provengo da nazione alcuna, io si, io vengo dalla luna. Io non sono sano, io non sono pazzo, io non sono vero, io non sono falso, io non ti porto jella ne fortuna, io si, ti porto sulla luna, io vengo dalla luna… Ce l’hai con me perchè ti fotto il lavoro, perchè ti fotto la macchina o ti fotto la tipa sotto la luna? Cosa vuoi che sia, poi, non è colpa mia se la tua donna di cognome fa Pompilio come Numa. Dici che sono brutto, che puzzo come un ratto ma sei un coatto e soprattutto non sei Paul Newman. Non mi prende che di striscio la tua fiction, io piscio sul tuo show che fila liscio come il Truman. Ho nostalgia della mia luna leggera, ricordo una sera le stelle di una bandiera, ma era una speranza era, una frontiera era, la primavera di una nuova era era. "Stupido, ti riempiamo di ninnoli da subito in cambio del tuo stato libero di suddito" No, è una proposta inopportuna, tieniti la terra, uomo, io voglio la luna! Io non sono nero, io non sono bianco, io non sono attivo, io non sono stanco, io non provengo da nazione alcuna, io si, io vengo dalla luna. Io non sono sano, io non sono pazzo, io non sono vero, io non sono falso, io non ti porto jella ne fortuna, io si, ti porto sulla luna, io vengo dalla luna… Non è stato facile per me trovarmi qui, ospite inatteso, peso indesiderato, arreso, complici i satelliti che riflettono un benessere artificiale, luna sotto la quale parlare d’amore. Scaldati in casa davanti al tuo televisore, la verità nella tua mentalità è che la fiction sia meglio della vita reale, che invece è imprevedibile e non il frutto di qualcosa già scritto, su un libro che hai già letto tutto ma io, io, io no. Io, io, io… Io vengo dalla luna.

Un no al razzismo, alla paura del diverso dal grande Caparezza

Lascia un commento

Un milione di stelle


 
" Guarda quante stelle stasera … secondo te quante sono ? "
 
" Veramente tante, un milione direi … "
 
" Stronzo , ne manca una ,
 
conta bene !! "
 
 
 
 
Marco Vasselli
 
© Tutti i diritti sono riservati
 

Lascia un commento

Taking you inside – Ti porto con me


 
Not you can eliminate even..
the smallest thing.
Everything is inscribed in the mind and the mind.
In the heart and the heart.
Universal deposits
where grab again  everything
without having the extension to include
They explain.
You never end of love
frisking and suddenly recover..
in the past.
Nothing and nobody ends.
 
NEVER
 
 

Ðιکtratta

 

 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 

 

 

 

 Non si può eliminare nemmeno..

 la più piccola cosa.

Tutto resta impresso nella mente

e dalla mente.

Nel cuore e dal cuore.

 Depositi universali

 dove si riafferra ogni cosa

senza avere l’estensione di comprendere

 ne spiegare.

Non si finisce mai di amare

di perquisire  

e improvvisamente recuperare..

 nel passato.

 Nulla e nessuno finisce.

 

MAI

 

 

Ðιکtratta

 

 

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

English translation By Marco Vasselli

 

4 commenti

The dancer and the poet


 
 
I hope that the raimbow make we happy so,
 every time you asked me i was happy,
 every poem that we wrote was come from the heart.
 I say tank you to you Gillian for all that you are for me,
 a lill crazy dancer, a big friend for me ^^
 
You are a BEST friend for me
…..
Our friendship comes from the heart
………..O/
XXX
 
 
 
 
Poem wroted by
 
Kharon Gillian Rossi and Marco Vasselli
 
© all rights reserved
 
 
 
 
 
 

2 commenti

Caffè ristretto


 
 Hey stupidotto, ma ancora stai a piagne pè lei ? “
 

  Eh sì Martì, e guarda che nun passa, te ce lo sai perché se sentivamo tutti i giorni, io e Lauretta “

“ Sai che me dispiace veramente “

“ Sì che lo so, che te la conoscevi, no come quelli che m’hanno solo detto dè annà avanti “

“ E pijete stò caffè che te se fredda !!

Ricorda che te vojo sempre bene proprio pè come sei, se fai caciara, o se sei ‘n po’ spartano “

“ Spartano .. a Marti ?! Ma che te sei erudita tutta ‘nzieme ? “

“ E te ? .. erudita .. ah ah ma che m’hai detto nà cosa che se magna ? “

“ No’ o so però te posso dì, che so contento dè quer ragazzo lì, che dopo tanto tempo che hai sofferto, è quello giusto, o armeno a me me pare “

“ Pensi  che st’anni semo stati vani ? .. e che Emmeesseenne ‘n sia servito ? “

“  Macchè tesò, avoja se è servito .. stamo qui ar bare no ? .. e allora che me chiedi .. la fan numero uno, e poesie, l’amici persi e annati chissà dove .. e quelli che ho ritrovato, e te ce sei 

Me arzo dalla sedia

Lei fa uguale

“ Annamo piccolè, se torna a casa,e come ar solito, grazie che m’hai cambiato la giornata .. “

 

 

Marco Vasselli

a Martina C.

 

© Tutti i diritti sono riservati

 

 

1 Commento

Grazie Martina, perchè una stella di plastica mi ha illuminato la strada


 

 

 

Grazie per quello che sei stata, sei e sarai per me

perchè le stelle di plastica talvolta sono quelle che brillano di più

perchè l’amicizia, quella con la A maiuscola non finisce mai

e sarai sempre la mia fan numero 1

 

 

Video editing by

Marco Vasselli

a Martina C.

© Tutti i diritti sono riservati

Lascia un commento

Couse the angels don’t cry


 

Until your blue eyes don’t cry
 until your next smile
 until a raimbow called friendship take me to you
 i will happy with you Shasta
 couse the angels don’t cry and you are so
.

 

Marco Vasselli

for Shasta

© All rights reserved

 

Lascia un commento

A Verusca


 
Stessa Roma
stessa periferia
dove crescemmo
amammo ed imparammo
quello che siamo ora
e quel che sei
è quel sorriso che mi regali sempre
è quella forza d’esser come siamo
frivoli e ridanciani però veri,
come tramonti sulla Prenestina
sui casolari della nostra infanzia.
 
Grazie per questo tempo e questi giorni,
che t’ho trovata per fatalità
che mi fai ridere,
mi dai la volontà
d’essere e ritornare quel che ero.
 
Creativo, vivace
quando credevo che ormai fosse brace
questo mio fuoco è ritornato vivo
l’animo del poeta
fanciullo quanto basta per sognare,
per ritrovar me stesso e raccontare
quello che ancora sono,
quel che siamo
due splendidi momenti colorati
mischiati alla tavolozza della vita.
 
Quanti colori ne verranno fuori
amica cara, Verusca
amica mia
ed io so solo che se lo vorrai
ancora rideremo ancora e ancora
anche se
con un pizzico di tristezza
io ci sarò per te
come c’è il sale per l’acqua del mare.
 
 
 
Marco Vasselli a Verusca P.
 
© Tutti i diritti sono riservati
 
 
 

12 commenti

Soffro pè sport


 
Soffro pè sport
‘n è vero,
stò a scherzà.
 
Gioco a pallone,
faccio equitazione
e soffro
come se je dai all’anima ‘n bastone
e bastonate tutti quanti i giorni.
 
Tante vorte
me pare che sto monno
ce se diverte
a damme bastonate,
cò leggerezza
senza penzacce,
come che caccio io l’ispirazione,
loro ‘nprovisano
come viene viene,
e nù je frega a differenza mia
de daje metro e verso a cose dette.
 
Soffro pè sport
come nuotà in un mare senza onde
o senza sale
o senza acqua a vorte,
solo a nuotà
ner mare dele scerte
e ripenzà
che nun so state giuste.
 
Ar supermarket del’immaginazione
tutti li giorni je faccio ar pischelletto
damme dè li ricordi li più belli
‘n etto de forza dentro
‘n mpò d’amici
er resto manca
er resto sò rimpianti.
 
Soffro pè sport
guardo dentro ar carello
pio dù buste
ce metto questo quello e tutto quanto
pago de tanto ‘n tanto pe li sbaji
e le ferite so ancora come taji
che nù le curi tu
ce sta er preparatore.
 
Dice semo poeti
famo finta
dè tribolà
lo famo pè fà rima
ma statevene zitti tutti quanti
che in questi tempi carestosi e bui
potete risparmià de sentenzià
se sete gente senza umanità.
 
 
 
Marco Vasselli
 
 © Tutti i diritti sono riservati
 

Lascia un commento

Musica – Francesco De Gregori – Parole a memoria


 

 

Era solo per ricordare
il primo verso di una poesia
Una scusa per chiedere scusa
un modo elegante per andarsene via
O soltanto per averti pensato
o aver pensato male
Per averti dimenticati
nei regali di natale
E averti visto sanguinare le ossa
e maledire domani
E aver lasciato le tue rose bianche
a un matrimonio albanese
E per non darti un dispiacere
per non farmi notare
per guardarti dormire

Era solo per ricordare
un altro tipo di situazione
Come una piccola città di mare
e una stufa a carbone
Che non tirava se tirava vento
sul tuo cappotto rivoltato
Ma sotto i portici sentivi già l’estate
ed una birra d’un fiato
Poi d’improvviso tutti gli anni per terra
come i capelli dal barbiere
Come la vita che non risponde
e il tempo fa il suo dovere
Ed il barbiere con la chitarra
vuole sentirti suonare
E per non darti un dispiacere
per non farmi notare
per guardarti dormire

Era solo per chiacchierare
versare il vino spezzare il pane
Pagare pegno, ricominciare
parlare al cane
Era solo per ricordare
l’ultimo verso dell’Infinito
ed i tuoi occhi come lo stagno
e una carezza sul tuo vestito
che certamente non aveva senso
o aveva senso trovarci allora?
Se tutto quanto era già stato detto
o c’erano cose da dire ancora?
Ma non avevo tempo da perdere
e tu tempo da dare
E per non darti un dispiacere
per non farmi notare
per guardarti dormire

Testi e musica Francesco De Gregori

 

4 commenti

Il Diario – Rewind 2 – Lacrime e pioggia


 

Lacrime e pioggia

 

 

.

Lascia un commento

Il diario – Rewind 1- Semplicemente te stessa


 
 
 
 
 
.

Lascia un commento

Musica – De Andrè * De Gregori – La cattiva strada


 

 

Tratta dall’album " Volume 8 " ( 1975 )

scritto a quattro mani da Fabrizio De Andrè e Francesco De Gregori

Omagio a Faber ad 11 anni dalla sua scomparsa

 

Lascia un commento

Musica – Francasco Guccini _ Addio ( Live )


 

Nell’anno ’99 di nostra vita
io, Francesco Guccini, eterno studente
perché la materia di studio sarebbe infinita
e soprattutto perché so di non sapere niente,
io, chierico vagante, bandito di strada,
io, non artista, solo piccolo baccelliere,
perché, per colpa d’altri, vada come vada,
a volte mi vergogno di fare il mio mestiere,

io dico addio a tutte le vostre cazzate infinite,
riflettori e paillettes delle televisioni,
alle urla scomposte di politicanti professionisti,
a quelle vostre glorie vuote da coglioni…

E dico addio al mondo inventato del villaggio globale,
alle diete per mantenersi in forma smagliante
a chi parla sempre di un futuro trionfale
e ad ogni impresa di questo secolo trionfante,
alle magie di moda delle religioni orientali
che da noi nascondono soltanto vuoti di pensiero,
ai personaggi cicaleggianti dei talk-show
che squittiscono ad ogni ora un nuovo "vero"
alle futilità pettegole sui calciatori miliardari,
alle loro modelle senza umanità
alle sempiterne belle in gara sui calendari,
a chi dimentica o ignora l’umiltà…

Io, figlio d’una casalinga e di un impiegato,
cresciuto fra i saggi ignoranti di montagna
che sapevano Dante a memoria e improvvisavano di poesia,
io, tirato su a castagne ed ad erba spagna,
io, sempre un momento fa campagnolo inurbato,
due soldi d’elementari ed uno d’università,
ma sempre il pensiero a quel paese mai scordato
dove ritrovo anche oggi quattro soldi di civiltà…

Io dico addio a chi si nasconde con protervia dietro a un dito,
a chi non sceglie, non prende parte, non si sbilancia
o sceglie a caso per i tiramenti del momento
curando però sempre di riempirsi la pancia
e dico addio alle commedie tragiche dei sepolcri imbiancati,
ai ceroni ed ai parrucchini per signore,
alle lampade e tinture degli eterni non invecchiati,
al mondo fatto di ruffiani e di puttane a ore,
a chi si dichiara di sinistra e democratico
però è amico di tutti perché non si sa mai,
e poi anche chi è di destra ha i suoi pregi e gli è simpatico
ed è anche fondamentalista per evitare guai
a questo orizzonte di affaristi e d’imbroglioni
fatto di nebbia, pieno di sembrare,
ricolmo di nani, ballerine e canzoni,
di lotterie, l’unica fede il cui sperare…

Nell’anno ’99 di nostra vita
io, giullare da niente, ma indignato,
anch’io qui canto con parola sfinita,
con un ruggito che diventa belato,
ma a te dedico queste parole da poco
che sottendono solo un vizio antico
sperando però che tu non le prenda come un gioco,
tu, ipocrita uditore, mio simile…
mio amico…

 

Una vera e propria poesia, ritratto vero e crudo della nostra Italia

 

Lascia un commento

Io lo ricordo …


 
Io lo ricordo…
la neve ha un odore
la neve ha un sapore
la neve ha una voce
voce che tace per non spezzare l’incanto di un sogno bianco…
 
 
Da un amico
 

© Tutti i diritti sono riservati

 

 

Lascia un commento

Onda di speranza


 
Acqua di tempesta
corri incontro a me
vieni e porta via
sedimenti d’ansia

Neve scendi e abbraccia
tutti i sogni miei
falli riposare
via da lampi ed urla

Nebbia, dolce nebbia
vestimi di assenza
portami lontano
mentre resto qui

Mare, vecchio amico
lavami un pò l’anima
rendigli il sapore
che perduto è ormai

E che venga una gelida bora
dove ancora cantare
che ritorni quel morso di gelo
che mi fa sentir viva

fiume senz’argini
onda di speranza.

 
 
Poesia scritta da Ana T.F.

 © Tutti i diritti sono riservati
 

2 commenti

thevel

A poet from the world of imagination, tribe of poetry, clan of rhymes, What I Became generation. Follow my site for an exciting performance of poetry.

Sedat ÜNAL💫Blog

Hayat Paylaşıldıkça💫Güzelleşir ...

L'atelier peinture de Christine

La peinture sans prise de tête

Law of Attraction finds me!

My transition from outwardly rituals to internal mantra of sub conscious mind

Victoria Dutu *** Art Gallery and Books ***Galeria de PICTURI SI CARTI

Buy a Book and a Painting created by me, because them are intelligent and beautiful.* Comanda acum o carte si o pictura create de mine pentru ca au la baza principiul estetic de frumos! * Telefon&WhatsApp:+40740.27.99.08/ books@victoriadutu.com/ victoritadutu@gmail.com

Sui Generis

Rare Poetry and Food stories

Spreading Smiles - Rita

Simple Vegetarian Cooking

The Rising Phoenix Review

We the People Shall Rise

Nature,science,health,engineering

Distinguished reader selectively reads

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Digital Marketing Advertise

Digital Marketing Advertise Services

Modern Millionaires Reviews

The Modern Millionaires is for you if you want success and good review without getting scam from other people.

Being Zab

The Storyteller (Qissa-Go)

Rohit Singh

Live The Art

ilcoraggioperforza

La mia vita con la sclerosi multipla, una voce che parla scrivendo, punti di vista dall'alto di una sedia a rotelle 😉💪♿💞

LITERARY TRUCE

Between two languages: books and other things

Blog1957

Blog1957

Pensieri sparsi

libri, pensieri, domande e risposte... parliamone insieme

D1on1

Strength in Stories

PHRONESIS

(We need it everyday)

FaithBelieveHope

Have faith, believe in it, and hope will come❤

Books by Patricia Furstenberg

Where History Meets Fiction and a Dog

Online Help Sri Lanka

For your knowledge and feelings.

suoni tribali

La musica non è nelle note, la musica è tra le note. (Wolfgang Amadeus Mozart)

Michelle Rose. Reflection of My Journey

Drowning in the busyness of life, and how I stay afloat, and find peace and stillness amidst the chaos

LazyLedger

Foundation of being better in yourself.

VEM comigo!

Pensamentos, frases e citações

S.C Economic

<script data-ad-client="ca-pub-4926681710037223" async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script>

◦ ღ ☼ Elena e Laura ☼ ღ ◦

Si scrive soltanto una metà del libro, dell'altra metà si deve occupare il lettore (Joseph Conrad)

The Enchanted Soul

A girl with strong boundaries 💫

Lea Hogg

From the heart of the Mediterranean

Simple_life_of_Juleen Blog

Real gal on a real-world budget trying to balance a world of fashion and saving.

Kindness

KINDNESS IS FREE, sprinkle it all over the world and 😁 smile

CalcuttaTadka

Its All About daily dose of tadka

ore de drum

impresii de călătorie, artă, cultură, spiritualitate, pelerinaje, gastronomie, vinuri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: